QR code per la pagina originale

Internet Explorer 6: le novità

Il 27 marzo è stata ufficialmente presentata la versione d'anteprima di Internet Explorer 6. Le prove, le funzionalità e le prime impressioni del nuovo browser di casa Microsoft.

,

Da ieri 27 marzo è disponibile la prima public preview ufficiale del nuovo browser di casa Microsoft: Internet Explorer 6. A poco più di otto mesi dal rilascio di Internet Explorer 5.5 (Luglio 2000) e a quasi due anni dalla versione 5.0 (Marzo 1999), Microsoft presenta la versione 6 del nuovo browser e, a giudicare dai primi assaggi che abbiamo gustato navigando con questa versione beta, i passi in avanti ci sono ma non sono entusiasmanti.

La preview che è possibile scaricare direttamente dal sito Microsoft è segnata come Build 2462, la stessa “signature” data alla nuova versione beta di Windows XP (in verità siglata 2462a a causa di alcune correzioni dell’ultima ora). Ciò dovrebbe far intendere che Internet Explorer sarà una parte inestricabile del nuovo sistema operativo.

Tre sono le caratteristiche generali del nuovo browser che saltano immediatamente agli occhi: la completa integrazione della navigazione in Internet nell’unico strumento browser, già sperimentata con Netscape 6 e Opera 5, lo sviluppo di funzionalità in difesa della privacy e della sicurezza e l’esaltazione della multimedialità con miglioramenti per l’accesso alle immagini e ai suoni. L’interfaccia è del tutto simile a quella di IE 5.5 ma molto probabilmente aggiustamenti grafici verranno introdotti solo nella versione finale.

Installazione

L’installazione è, al solito, effettuabile direttamente da World Wide Web. È necessario scaricare l’installatore del peso di circa 500 KByte con il quale procedere alla configurazione del setup, alla scelta dei componenti da installare e all’accettazione della licenza. Il processo è del tutto simile a quello di Internet Explore 5.5 e del tutto simili sono le schermate di presentazione. Molto probabilmente Microsoft cambierà il look al navigatore nella release finale.
Il tipo di installazione richiesta varia da versione a versione. La nostra, che andava ad aggiornare un sistema con Internet Explorer 5.0, ha richiesto un download di 16 MByte di file per il solo browser. L’installazione sarà invece molto più rapida se il sistema integra Internet Explorer 5.5 e il suo Service Pack 1.

Una volta terminato il processo, i file saranno conservati nella directory c:windowswindows Update. Il download dei file, se dovesse essere accidentalmente interrotto, riprenderà dal punto di interruzione.

Explorer Bar

La Explorer Bar è la barra laterale sinistra che solitamente contiene le cartelle dei Preferiti, o la Cronologia. Con la nuova versione, Explorer permette di inserire in questo spazio anche una Personal Toolbar, ossia una barra in cui organizzare i contenuti a proprio piacimento. La Personal Toolbar predefinita contiente le news da MSNBC.com e il motore di ricerca del portale MSN.com. Microsoft richiede a coloro che avessero già costruito una Explorer Bar personale di comunicarne, attraverso una form, le specifiche in modo da includerla nella versione finale di IE 6.

Piattaforma P3P

La piattaforma Privacy Preferences Project (P3P) permette di avere un maggior controllo sui propri dati personali gestiti attraverso Internet. I siti che adotteranno le specifiche standardizzate dal World Wide Web Consortium (W3C) informeranno l’utente (attraverso il browser) su come essi trattano i dati personali di navigazione che, generalmente gestiti attraverso i cookies, potranno essere favoriti o negati attraverso alcune impostazioni. Una piccola icona di stato posta accanto al noto lucchetto delle connessioni sicure informerà l’utente sul livello di privacy del sito. Un nuovo pulsante posto accanto a quello di cancellazione dei file temporanei di Internet consente invece di cancellare i cookies presenti sull’Hard Disk.

Maggiore sicurezza

I livelli di sicurezza presenti in Explorer 5 sono stati riadattati alle nuove funzionalità. Nuove caratteristiche a difesa dell’utente sono state incorporate in Outlook Express 6. Non è più possibile, a detta di Microsoft, accedere ad un sito che provochi l’invio indesiderato di una e-mail attraverso Outlook. L’invio automatico attraverso Javscript di un form mail è tuttavia risultato, dalle nostre prove, immutato.

Immagini

Quando si accede ad una pagina contente immagini è possibile compiere delle operazioni su di esse semplicemente passandovi sopra il mouse. Una piccola barra vi segnalerà se volete salvare l’immagine, stamparla oppure inviarla tramite e-mail. Altra comoda funzione prevista in Internet Explorer 6 è il ridimensionamento automatico delle immagini: quando si tenta di visualizzare un’immagine che supera i limiti del browser essa verrà automaticamente ridimensionata in modo da essere rappresentabile interamente all’interno della finestra. Questa funzione ha mostrato tuttavia due limiti: l’impossibilità di ridimensionare un’immagine JPG nel momento del primo caricamento (ciò non accade quando viene visualizzata per la seconda volta) e l’impossibilità di ridimensionare immagini inserite in una pagina web attraverso codice HTML.

File Audio

I file audio disponibili sulla rete possono essere riprodotti, se supportati, direttamente all’interno del browser senza invocare programmi esterni. Un piccolo software riproduttore, corredato delle minime funzionalità indispensabili, è integrato nella parte inferiore della Explorer Bar e permette di ascoltare radio, musica e canzoni preferite continuando a navigare tranquillamente (continua)

Notizie su: