QR code per la pagina originale

Mozilla Firefox 0.8, ecco il nuovo Firebird

Firebird si evolve e cambia nome: Mozilla ha reso disponibile la pre-release 0.8 del nuovo Firefox, il browser del gruppo Open Source. Rimossi alcuni bug ed introdotte nuove funzionalità, Mozilla si prepara ora a distribuire la versione definitiva.

,

Firefox 0.8, ecco il nuovo browser di casa Mozilla. È da oggi disponibile il pacchetto di installazione del browser standalone che fu Firebird. Il problema del nome in conflitto con altri progetti open source e il rischio di incorrere in complicate dispute legali, hanno convinto gli uomini della Mozilla Foundation a compiere il passo.

Non è stata una scelta semplice ed ha anche causato il ritardo nell’uscita di quest’ultima versione. Ben Goodger, il capo del team di sviluppatori di Firefox, ha chiarito i termini della questione con un lungo post sul suo weblog personale: “Dall’inizio del progetto, è stato questo il problema più difficile da risolvere”.

Firefox e il nuovo logo sono il frutto di intere giornate passate, da avvocati e uomini marketing, a spulciare i database dei nomi e dei marchi registrati in Europa e negli Stati Uniti. Ora il browser ha un nome unico, inattaccabile, in via di registrazione presso lo US Patent and Trademark Office.

Il primo effetto di questa complicata vicenda finalmente risolta è l’inizio di una rinnovata strategia di marketing. Mancano dettagli sulle mosse future. Per il momento è stato dato il via ad una campagna di supporto, con tanto di pulsanti e loghi fiammanti da esporre sul proprio sito.

Veniamo alle altre novità. La versione per Windows ha ora un installer ‘classico’, che dovrebbe risolvere alcuni problemi relativi alla gestione dei plug-in. Quella per Mac OS X presenta un tema tutto suo, meglio integrato con l’interfaccia Aqua.

Migliorata la gestione dei download e dei bookmark. In quest’ultimo caso è finalmente possibile creare una nuova cartella per il link da salvare direttamente dalla finestra di dialogo. Introdotta anche la possibilità di consultare le pagine visitate in modalità offline. Risolti, come in ogni release, diversi bug ed errori, tra cui quello che impediva la disabilitazione dell’autocompletamento dei form.

Dal sito http://www.mozillaitalia.org/archive/ è possibile scaricare il pacchetto per la lingua italiana. A breve sarà disponibile, sempre sullo stesso sito, l’installatore completo in lingua italiana.