QR code per la pagina originale

Apple & Microsoft, pericolo dal fronte brevetti

La BTG è una azienda specializzata in tutela della proprietà intellettuale. Ora la BTG ha chiamato in causa Apple e Microsoft per non aver rispettato il brevetto sull'update online dei prodotti software. Microsoft in causa anche per l'Active Desktop.

,

Anche l’update tramite Web è coperto da copyright, e per sfruttare tale tecnologia bisognerebbe passare attraverso la contrattazione con il titolare di tale brevetto. Nel mirino della giustizia finiscono, con l’accusa di aver eluso tale proprietà intellettuale, due aziende quali Microsoft e Apple, le quali fanno largo uso di tale tecnologia e non avrebbero mai nel tempo trovato un accordo con quanti gestiscono tale proprietà.

Il brevetto, detenuto a livello mondiale, è registrato negli USA al numero 6.557.054 e datato 29 Aprile 2003. Titolare del tutto è la BTG, azienda inglese preposta alla tutela della proprietà intellettuale. Secondo questi ultimi l’esposto legale sarebbe stato semplicemente l’ultimo passo necessario compiuto dopo un onesto tentativo di trattativa: al continuo respingimento di ogni proposta di accordo la BTG si sarebbe trovata costretta ad operare per vie legali al fine di difendere l’interesse tutelato.

Per Microsoft, però, non finisce qui: il rapporto tra l’azienda di Redmond e la precitata BTG continua con ulteriori citazioni per “patent infringement” con riferimento ai brevetti 6.658.464, 6.611.862 e 6.125.388: tali brevetti, frutto dell’ingegno di Richard Reisman, sono inerenti al noto sistema di “Active Desktop” ed alla navigazione offline sfruttati da Microsoft nei propri prodotti.

L’offensiva legale è indirizzata all’ottenimento di un giusto conguaglio per le infrazioni pregresse ed un accordo imposto per quanto concernente gli utilizzi futuri delle tecnologie contestate.

Notizie su: