QR code per la pagina originale

Mozilla Gran Paradiso, ovvero Firefox 3.0

Mozilla ha pubblicamente rilasciato la prima alpha di Gran Paradiso, il cantiere aperto che porterà a fine 2007 alla distribuzione del browser Firefox 3.0. Varie le novità della nuova versione la cui installazione è però caldamente sconsigliata all'utenza

,

Quasi a voler sottolineare le ambizioni del gruppo e l’arrembante crescita dell’impegno sul mercato, Mozilla si porta avanti nello sviluppo di Firefox 3.0 pubblicando addirittura la prima alpha a poca distanza dal recente annuncio di Firefox 2.0. La sfida con Internet Explorer è serrata e le statistiche vedono per il browser Mozilla percentuali in graduale crescita alle spese della concorrenza (in Europa IE e FF sono ormai attestati su proporzioni di tipo 80/20).

Firefox 3.0 è atteso in versione definitiva per la fine del 2007. Da tempo il brainstorming è attivo nel tentativo di coinvolgere l’utenza nello sviluppo del software ed ora quel che è stato denominato “Gran Paradiso” mostra in pubblico le vette a cui ambisce la nuova produzione: la primissima versione è online, anche se non è consigliata a tutti in quanto assolutamente prematura (e potenzialmente pericolosa per il sistema su cui è installata).

Tra le novità si segnalano l’uso di Cairo come libreria grafica, Cocoa Widgets ed alcune variazioni in riferimento alle modalità di caricamento degli elementi Object. Aspetto importante del nuovo Firefox 3.0 è il fatto che la prima Alpha supera il test Acid 2 che misura il grado di aderenza agli standard del web. Ulteriori approfondimenti relativi a quest’ultimo aspetto ed al motore grafico del browser sono disponibili su Edit.

Gran Paradiso Alpha 1 non è compatibile con Windows 95, Windows 98, Windows ME e Mac OS X 10.2 (uscendo tra un anno circa, dimentica i sistemi operativi ormai superati dalle nuove produzioni Microsoft ed Apple). Per il download è possibile far riferimento al sito Mozilla, ma se ne sconsiglia caldamente l’adozione se non a fini di test su sistemi sui quali non si corre il pericolo di perdita di dati ed altre conseguenze potenziali (non escluse dal team di sviluppo occupato con le prime bozze del Firefox che verrà).