QR code per la pagina originale

Due nuove tecnlogie per le imminenti Intel X38

,

P35, P35, P35, ma cosa è successo alle restanti schede bearlake? La P35 doveva essere solo una delle schede della serie, corrispondente alle vecchie Intel 965, alla quale doveva fare seguito, oltre a delle schede di più basso livello, anche una di più alto, corrispondente alle vecchie Intel 975, ovvero le nuove X38.

A distanza di ormai 3 mesi dall’uscita delle prime P35, giungono altre voci su questi nuovi modelli, che faranno tanto felici i fanatici del settore, in attesa di questo top di serie.

Ma cosa introdurrà di diverso rispetto alle sorelle inferiori? Prima di tutto il supporto al PCI-Express 2.0 di cui abbiamo tanto parlato e che, anche se da specifica presente sulle P35, ancora non se ne è sentito nulla a riguardo, così che, probabilmente, le X38 saranno le prime ad implementare questo nuovo standard.

Poi c’è l’implementazione di nuove funzioni, quale la Turbo Memory, che rappresenterà un ulteriore livello di cache, superiore per velocità ad hard disk ed USB in quanto consisterà in una memoria da 1GB NAND installata su PCI-Express x1.

Come già la P35, anche questa nuova X38 supporterà memorie DDR2 e DDR3 ma, solo con queste ultime saranno disponibili le due nuove tecnologie dal nome Extreme Memory ed Extreme Tuning, che probabilmente rappresenteranno la vera caratteristica peculiare delle nuove schede.

La prima, simile alla SLI Memory di nVidia, offrirà un profilo extra, EPP (enhanced performance profile), che migliorerà le prestazioni della memoria. L’EPP provvederà a regolare le tensioni ed il clock delle memorie in modo che possano funzionare in modo più efficiente in combinazione alla scheda madre.

La seconda, invece, sembrerebbe ispirata ad un’altra idea sempre di nVidia, ovvero nTune, in quanto provvederà a fornire un’interfaccia con la quale si potranno modificare i parametri del bios direttamente dal sistema operativo.

Notizie su: