QR code per la pagina originale

Eqo vs Jajah mobile

,

Negli ultimi tempi c’è un proliferare di applicazioni sviluppate per i dispositivi mobile (cellulari, smartphone e PDA) che consentono l’accesso a servizi telefonici attraverso la rete dati, quindi utilizzando il VoIP, a tariffe piuttosto vantaggiose (soprattutto per le chiamate internazionali). A rendere appetibili questi servizi concorre il fatto che queste applicazioni sono in grado di gestire anche funzionalità di presence, instant messaging ed sms in un paradigma di convergenza che ormai è diventato un must nell’era del web 2.0.
Dietro alla possibilità di integrare servizi c’è l’integrazione di tecnologie, che molti dei nuovi provider sfruttano per ridurre i costi. E’ il caso, ad esempio di Eqo o Jajah.

Un aspetto interessante della soluzione tecnologica implementata da Eqo risiede nell’utilizzo della connessione dati per veicolare la segnalazione e della rete telefonica tradizionale (rete mobile e rete a commutazione di circuito) per veicolare la voce.
In pratica quando si decide di chiamare una persona utilizzando il client Eqo, questo sfrutta la connessione dati per inviare una “richiesta di chiamata” ai server in rete: questi rispondono inviando al client il numero di rete telefonica locale da utilizzare per il trasporto della voce. Da lì la chiamata viene instradata utilizzando dei gateway e la rete IP (VoIP), in maniera completamente trasparente per l’utente che chiama.

Diversamente Jajah mobile, al pari del suo predecessore sul web, utilizza un sistema di Callback: in pratica tramite un plugin integrato nello smartphone oppure tramite il nuovo sistema che utilizza il browser del cellulare, viene inviata la richiesta ai sistemi di Jajah; questi provvedono a richiamare automaticamente l’utente sul circuito tradizionale e a metterlo in comunicazione con il numero desiderato, sfruttando in buona parte la rete IP.
I due sistemi, apparentemente simili, sfruttano diversi meccanismi di interazione tra le reti: in comune hanno un utilizzo limitato della connessione dati dei cellulari, che resta in generale ancora poco economica.

Notizie su: