QR code per la pagina originale

Web marketing & directory

,

Molti SEO (e non solo) conoscono l’importanza di inserire il proprio sito (e link) in una web directory ben posizionata. È uno degli strumenti di web marketing più economici e facile da usare per portare traffico al proprio sito. Ma bisogna stare molto attenti a quale directory si sceglie. Spesso si rischia di perdere molto tempo a fare registrazioni su infinite directory che non portano molti vantaggi, anzi possono persino essere penalizzate da Google.

Leggo su Seomoz che un paio di settimane fa Google ha penalizzato dozzine di web directory. Non le ha bannate, ma le ha fortemente penalizzate, in quanto ne ha compreso le finalità non rivolte agli utenti, quanto ai motori di ricerca.

In effetti è sempre bene diffidare da directory che siano troppo costruite per dare in pasto link ai motori di ricerca. In particolare bisogna stare attenti a directory:

  • Troppo generiche: è vero che ci sono casi celebri che Google apprezza e stima come Dmoz, ma il più delle volte si insospettisce quando una directory è troppo vasta negli argomenti, perchè ipotizza che dietro un progetto simile ci sia un desiderio del web master di massimizzare i ricavi (chiunque può fare richiesta).
  • Che accettano chiunque: directory che non filtrano siti di bassa qualità, possono causare un danno anche al proprio sito, che si troverà come “vicini di casa” siti spam. E sappiamo come Google guardi male a questo aspetto quando deve valutare la fiducia (trustrank) nei vari siti.
  • Che pubblicizzano il fatto di portare un buon pagerank o di garantire un buon posizionamento sui motori di ricerca. Siti che usano frasi come “ottimizzata per i motori di ricerca” per descrivere la propria directory possono essere un campanello d’allarme per Google, che può capire quando la directory è solo un espediente per manipolare risultati sulle serp.
  • Che chiedono scambio di link per l’inclusione. Se una directory chiede un link in cambio, è evidente che non si tratta più di link spontaneo e questo fattore sempre più sarà considerato negativamente da Google.

Questo non vuol dire che l’inserimento in una directory sia qualcosa da evitare, tutt’altro.
Esistono valide directory dove poter essere inserito e trarne beneficio, in maniera pulita e sicura. Basta sapere quali…

Notizie su: