QR code per la pagina originale

Le 8 novità di Spotlight in Leopard

,

Chi usa Tiger da qualche tempo sa che non potrebbe fare a meno di Spotlight. Tuttavia da un po’ la ricerca indicizzata è stata implementata anche da Microsoft in Windows Vista, quindi Apple ha reinventato, nell’attesa che la casa di Redmond prenda di nuovo ispirazione.

Search Shared Macs espande la ricerca di Spotlight a tutti i contenuti condivisi dei Mac connessi alla rete locale.

Advanced Searches rende la ricerca molto più avanzata perché permette di usare gli operatori booleani (AND, NOT, OR) uniti alle parentesi. Inoltre permette di eseguire ricerche sulle etichette dei file, ad esempio si possono ricercare tutti i documenti di un certo autore e così via.

Inoltre possiamo eseguire delle ricerche comparative specificando restrizioni del tipo “più grande di” e così via…

Per finire c’è la possibilità di ricercare frasi esatte, basta metterle tra virgolette.

La funzione Dictionary Definitions trasforma Spotlight in un dizionario, basta digitare una parola per avere la definizione (speriamo sia localizzato nelle varie lingue europee…).

Con Calculations Spotlight diventa anche calcolatrice, basta digitare un’espressione e verrà calcolato il risultato. Potremo utilizzare fino a 40 funzioni che spaziano dalle operazioni matematiche a quelle logaritmiche fino a quelle trigonometriche.

In Tiger per lanciare un’applicazione con Spotlight dovete:

  1. attivare Spotlight (ad esempio con Command + barra);
  2. digitare il nome dell’applicazione;
  3. premere una volta la freccia verso il basso (dato che il primo elemento selezionato era la voce Mostra tutti i risultati);
  4. premere Invio.

In Leopard potete saltare il passo 3 dato che il primo elemento selezionato è direttamente Il migliore. Quindi lanciare una qualunque applicazioni con Spotlight richiederà 3 passi invece di 4.

Web History Search permette di usare Spotlight per ricercare tra la cronologia web dato che verranno indicizzati i nomi delle pagine web visitate e i relativi contenuti.

Se conoscete il nome del file che state cercando potete restringere la ricerca ai file che hanno quel nome potete usare Search by Filename (questa mi sembra una specializzazione della ricerca sulle etichette).

È possibile usare Spotlight per ricercare anche file di sistema con Search System Files.

Funzionalità come Advanced Searches, Dictionary Definitions, Calculations e Application Launching sembrano indizi di uno scenario futuro molto particolare. Personalmente mi fanno pensare alla possibilità di rendere Spotlight come una nuova interfaccia tra utente e sistema.

È chiaro che non si tratta più di una semplice (per quanto raffinata) funzionalità di ricerca, Spotlight sta diventando un’entità con cui dialogare e dando un’occhiata a queste nuove funzionalità appare chiaro lo sforzo degli ingegneri Apple di rendere il livello di conversazione più simile possibile al modo di pensare umano.

Spotlight sembra un ottimo passo nel verso della semplificazione; leggendo quando pubblicizzato da Apple, per esempio, non ho trovato riferimenti alla necessita di digitare alcuna parola chiave che faccia capire a Spotlight che sto richiedendo un’operazione matematica o la definizione di una parola… semplicemente lo capisce dal contesto e non è poco!

Notizie su: