QR code per la pagina originale

Windows Vista SP1, si può scaricare in anteprima

,

Il primo service pack di Windows Vista è stato oggetto di previsioni ed attese da… prima che Windows Vista fosse lanciato!

L’imponenza dell’aggiornamento effettuato con Vista ha lasciato perplessi gli amministratori di molte realtà, che hanno (forse saggiamente) preferito attendere la release del primo pacchetto di aggiornamenti. Con un po’ di trucchetti, gHacks ha trovato il modo di scaricarlo in anteprima.

In pratica, con una semplice modifica al registro di sistema, è possibile visualizzare “Windows Vista Service Pack 1 Beta” nell’elenco degli aggiornamenti disponibili in Windows Update.

Questo pacchetto aggiunge una scritta sovrimpressa nello schermo (“Evaluation copy, Build 6001” per la cronaca), ma anche questa può essere rimossa con un trucchetto.

Il tutorial di gHacks non solo descrive la procedura passo-passo, ma permette anche di scaricare un piccolo script che esegue le modifiche al registro al posto nostro. I comandi impartiti sono:
reg add HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftWindows
CurrentVersionWindowsUpdateVistaSp1
/v Beta1 /t REG_SZ /d a2c3c14a-9586-4d37-9aaa-79fbd64069d2 /f

reg add HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREWow6432NodeMicrosoftWindows
CurrentVersionWindowsUpdateVistaSP1
/v Beta1 /t REG_SZ /d a2c3c14a-9586-4d37-9aaa-79fbd64069d2 /f

Lo script (o i comandi) vanno eseguiti con privilegi di amministratore. Dopo questa modifica sarà possibile scaricare uno dopo l’altro gli aggiornamenti KB935509, KB937287 e KB938371. Occorre riavviare il PC dopo ciascun update. Terminata questa sequenza di aggiornamenti è possibile trovare la beta del service pack 1 fra gli aggiornamenti disponibili.

La procedura è degna di un vero geek, e va assolutamente evitata in un computer che non sia destinato a “prove tecniche” (magari una virtual machine), ed in effetti fra i commenti riportati nell’articolo di gHacks non mancano i collezionisti di problemi inspiegabili e insuccessi nell’installazione.

Si tratta, in fin dei conti, di uno di quei trucchi che è interessante sapere che esistano. E se qualcuno di voi riesce a farlo funzionare in una macchina virtuale, ci lasci le sue impressioni!

Notizie su: