QR code per la pagina originale

Inseguire le tempeste con un Pocket PC

,

Che i palmari possano risultare utili anche per ricevere informazioni meteo, non vi sono dubbi. Risulta però quantomeno originale un uso legato a studi avanzati su tempeste e tornado.

Leggendo questo lungo articolo, ci si può fare un’idea approfondita di come possa risultare utile un semplice Pocket PC. Del resto, potenza, compattezza e usabilità rendono un palmare particolarmente adatto anche per applicazioni mobili in condizioni estreme.

Specie negli Stati Uniti, le tempeste raggiungono livelli di forza elevati, caratterizzandosi anche per la rapidità con la quale si manifestano, rendendo quindi problematica una loro analisi diretta.

Nel caso specifico è stato utilizzato lo smartphone Sprint 6700 basato su Pocket PC Phone Edition, fungendo da modem a 230 Kbps per il collegamento Internet di un notebook. Il vantaggio del collegamento wireless credo sia impagabile in sperimentazioni così particolari.

Mediante un servizio di push e-mail offerto da StormNow.com, il ricercatore ottiene bollettini meteorologici in tempo reale sul proprio palmare, riuscendo così a prepararsi per assistere in modo adeguato agli eventi d’interesse.

Ad ulteriore supporto dati, viene utilizzato anche il programma SWIFT Mobile che, come valutato in precedenza, si conferma uno strumento particolarmente fruibile.

In fase di localizzazione dell’evento atmosferico si fa uso di GPSgate, che consente di gestire il segnale proveniente dai satelliti con due porte virtuali per far lavorare contemporaneamente SWIFT Mobile ed il programma di navigazione Teletype.

Quando si avvicina il tornado, Pocket Internet Explorer risulta di grande aiuto per accedere alle mappe dettagliate fornite da Spotter Network, visualizzando la distribuzione degli altri punti di ricerca e valutazione per riuscire a coordinarsi opportunamente.

Grazie infine all’aiuto dell’utility SuperRuler, che può fungere da righello e goniometro, si potrà anche misurare attentamente la dimensione di eventuali chicchi di grandine.

Un’ulteriore riprova di quanto siano utili i device mobili anche in applicazioni specialistiche.

Notizie su: