QR code per la pagina originale

Si avvicina l’appuntamento con Le Web 3

,

Si avvicina l’appuntamento con la quarta edizione di Le Web 3, avvenimento divenuto obbligatorio per chi è un professionista del web o un esperto di Web 2.0.

Quest’anno l’evento si svolgerà l’11 e il 12 Dicembre a Parigi. Evento in grande stile, si sono iscritti quasi 1000 partecipanti fino ad ora e sono rappresentati oltre 40 paesi!

Sarà lo stesso organizzatore dell’evento, Loic Le Meur, ad aprire l’evento con un intervento intitolato “Welcome to Evolution/Revolution”, che sembra il vero e proprio punto di partenza per affrontare tutto il programma dell’evento, incentrato sulla comunicazione e sulla sua evoluzione.

La maggior parte degli eventi in programma occupano massimo 20 minuti di tempo, ma scorrendo la pagina, mi accorgo che non manca davvero nulla: si va dal Web 2.0 sino ai suoi problemi, tra gli interventi leggo “Web 2.0 – The Dark Side”, “Making your information social”, “Music 2.0: Where do we go from here?”, “Social Media: is it killink our society?” insomma il Web 2.0 sembra esser stato scelto come punto di partenza per allargare poi il discorso alla comunicazione e al cambiamento in corso all’interno della società, non solo sul web.

Bello vedere che gli argomenti sono stati scelti con cura e affidati a relatori davvero competenti, l’intervento dedicato alle “Persistent Connections” è stato affidato allo staff di Twitter, mentre gli altri, dedicati al Web 2.0, hanno per lo più tutti come relatori personaggi dello staff dei più famosi social network.

È stato dato spazio anche alle startup protagoniste del Web 2.0, al concorso organizzato da Le Web 3.0 si sono iscritte in oltre 120, ma solo una 30ina sono state selezionate e si presenteranno all’evento con uno proprio spazio dedicato.

Luca Conti, uno dei tanti italiani che sarà presente all’evento, ha ricordato sul suo blog come l’evento sia stato sponsorizzato unicamente grazie al passaparola della rete (soprattutto dei blogger) e non siano state utilizzate campagne pubblicitarie. Non ci resta che aspettare l’evento e tornare a parlarne per commentare quanto visto!

Notizie su: