QR code per la pagina originale

Yahoo liberalizza i contenuti Sony-BMG

In seguito al raggiunto accordo tra Sony-BMG e Yahoo, i contenuti audio e video di proprietà della Sony saranno disponibili liberamente su servizi, siti o supporti della società di Sunnyvale. Si inizia a pensare, ora, al DRM per gli user generated content

,

Yahoo ha stretto il suo primo contratto di collaborazione con una grande major, la Sony-BMG: esso prevede da parte della società di Sunnyvale la possibilità di utilizzare e pubblicare materiale audio e video che contenga estratti da prodotti di proprietà Sony-BMG, dietro la divisione degli utili pubblicitari da questi derivati.

Si tratta del primo accordo simile per la società di Sunnyvale, al contrario dei rivali Google-YouTube che molti già ne hanno stretti (tra i quali anche uno proprio con Sony). Partnership di questo tipo hanno contribuito a stemperare le cause e le polemiche con le suddette major per l’utilizzo, attraverso i canali dei siti in questione, di estratti audio e video sottoposti al diritto d’autore.

Dunque per quanto concerne le proprietà di Sony gli utenti saranno presto liberi di uploadare qualsiasi tipo di contenuti o rielaborazione di materiale audio e video su siti, servizi o supporti targati Yahoo, aprendo la strada (anche su questo fronte) ad una certa libertà di circolazione dei contenuti. Un cambiamento minimo rispetto ad ora dal punto di vista degli utenti che hanno sempre rielaborato o pubblicato contenuti protetti dal copyright, ma al contrario sostanzioso dal punto di vista della legalità e dei modelli di business.

Non si tratterà comunque di una libertà totale, visto che il mese scorso un folto gruppo di rappresentanti di compagnie di internet e di altri media hanno raggiunto un accordo sulla necessità e l’applicazione di tecnologie Digital Right Management e di filtraggio dei contenuti user generated. Tuttavia affinchè la tecnologia in questione sia sviluppata, messa a punto e applicata, ancora è necessario molto tempo.