QR code per la pagina originale

Attento blogger, se diffami… paghi!

,

Tutela della privacy, diritto di cronaca e critica, codice deontologico: la conoscenza di questi concetti fanno parte kit di sopravvivenza degli operatori dell’informazione (che non solo i giornalisti in senso stretto).

E per quanto riguarda i blogger? Quanti delle migliaia di blogger che quotidianamente pubblicano notizie online sono consapevoli dei rischi penali (che tradotto in soldoni vuol dire “prigione”) che derivano dalla diffamazione attraverso un mezzo di comunicazione pubblico?

Il recente approfondimento pubblicato su News.com evidenzia come anche negli Stati Uniti la responsabilità da parte dei blogger nei confronti del proprio ruolo “pubblico” sia sottovalutata.

Non sono solo i giornalisti iscritti all’ordine o chi scrive per testate registrate a dover rispettare le leggi in materia di diffamazione o privacy, e non basta uno scaltro disclaimer in fondo all’home page di un blog per “lavarsene le mani”. Il popolo dei blogger è avvertito, dopo tutto, i precedenti non mancano e la questione è molto dibattuta anche ai piani alti!

Notizie su: