QR code per la pagina originale

Skype dà i numeri e scontenta i suoi abbonati

Skype dovrà cambiare entro un mese alcune centinaia di numeri telefonici nel distretto di Londra. L'intempestiva comunicazione della modifica numerica ha fatto imbufalire molti clienti, i quali potrebbero ora decidere di abbandonare il servizio

,

Cattive notizie per alcune centinaia di abbonati al servizio SkypeIn, che si sono visti recapitare in questi giorni una email dal colosso del VoIP che li avvisava di un imminente cambio di numerazione telefonica. La modifica interesserà numerosi clienti di SkypeIn, il servizio che consente di possedere un numero di telefono virtuale per mettere in comunicazione gli abbonati alle società telefoniche tradizionali con gli account forniti sul Web da Skype. Entro un mese, la società leader nella comunicazione via VoIP sarà costretta a cambiare molti numeri di telefono già assegnati nella zona di Londra con il prefisso 0207.

L’intempestiva comunicazione da parte di Skype dell’imminente cambio di numerazione telefonica non è stata ben accolta dagli utenti londinesi, che saranno costretti ad abbandonare rapidamente il loro numero di telefono. Nella breve email inviata ai propri clienti, Skype scrive: «siamo spiacenti di comunicarle che sarà necessario cambiare il suo numero SkypeIn. Come forse saprà, otteniamo i numeri di telefono per il servizio SkypeIn da numerosi gestori di telefonia. Sfortunatamente, dovremo restituire alcuni numeri con il prefisso 0207 a uno dei gestori che ci fornisce le numerazioni per Londra».

Il disguido causato dal cambio di numerazione interessa molti uffici ed esercizi commerciali, che utilizzano principalmente Skype per effettuare e ricevere le telefonate dall’estero a basso costo. Molti dei numeri appartenenti al prefisso 0207 sono stati distribuiti più di due anni fa: il cambiamento obbligherà centinaia di abbonati a SkypeIn a comunicare il nuovo numero di telefono virtuale ad amici, colleghi di lavoro e clienti. Lo scontento generato dall’ineludibile decisione di Skype potrebbe spingere molti clienti ad abbandonare i servizi offerti dall’azienda del Lussemburgo per approdare alla concorrenza. Nel tentativo di risarcire i propri abbonati londinesi, Skype offrirà il servizio “Voicemail” in modalità gratuita per dodici mesi, ma secondo molti osservatori non sarà sufficiente per scongiurare l’esodo dei clienti, ancora turbati dal blackout dell’agosto scorso.

Notizie su: