QR code per la pagina originale

Investimento miliardario per Sony da Dubai

Dubai International Capital ha annunciato un cospicuo investimento in Sony Corp. La notizia ha scosso il titolo della multinazionale giapponese in borsa, controllata ormai al 53% da capitali esteri. Dubai International Capital mette sul piatto 1.5 mld

,

La holding finanziaria Dubai International Capital ha da poco comunicato un consistente investimento in Sony Corporation, il colosso dell’elettronica giapponese. L’importo di denaro investito da Dubai International non è ancora stato specificato, ma secondo alcune indiscrezioni, trapelate già durante la scorsa estate, dovrebbe aggirarsi intorno al miliardo e mezzo di dollari, equivalente al 3% del pacchetto azionario di Sony il cui valore sul mercato supera i 50 miliardi di dollari. L’investimento annunciato da Dubai International Capital è il primo mai realizzato in Giappone.

L’annuncio giunto da Dubai ha naturalmente influenzato l’andamento del titolo di Sony nei listini azionari. La multinazionale giapponese ha chiuso la giornata di lunedì con un sensibile rialzo pari al 4,6% con un valore per azione di 5.500 yen (50,81 dollari), spiccando nel pacchetto dei titoli tecnologici del Giappone cresciuto di 1,95 punti percentuali. Il risultato ottenuto in borsa si inserisce in un periodo molto positivo per Sony che, grazie a una profonda ristrutturazione aziendale, ha visto crescere i propri volumi di vendita nell’ultimo trimestre specialmente nei comparti legati ai PC e all’intrattenimento.

Dubai International Capital non ha ancora fornito dettagli su modalità e tempi legati al proprio investimento nella multinazionale giapponese. «Nonostante il piano di ristrutturazione di Sony sia ben avviato, i recenti successi azionari di Sony Financial Holdings è da imputare alla strategia in continuo progresso basata sull’efficienza del capitale e sui flussi di cassa» ha dichiarato Al Ansari, amministratore delegato di Dubai International Capital. La considerevole cifra investita da Dubai si inserisce nell’ampio numero di investitori esteri che, a settembre, detenevano già il 52,6% di Sony Corp.

Notizie su: