QR code per la pagina originale

La Commissione UE indaga su Tele Atlas

Tom Tom non potrà mettere ancora le mani su Tele Atlas nonostante gli oltre 4 miliardi di dollari scommessi nell'asta contro Garmin. La Commissione Europea intende infatti indagare sull'accordo per assicurare uno sviluppo regolare del mercato

,

Tra Tom Tom e Tele Atlas c’è un ulteriore ostacolo: surclassata l’offerta di Garmin con 4.2 miliardi di dollari sul piatto, infatti, ecco giungere l’alt della commissione antitrust europea, da cui proviene una esplicita richiesta di maggior tempo per procedere con ulteriori indagini. L’approfondimento durerà almeno fino al 17 aprile, quando la commissione UE si pronuncerà con un nulla osta o con una ammonizione più seria nei confronti dell’operazione.

Tom Tom ha dovuto alzare non poco la posta in palio per potersi liberare di Garmin nel momento in cui si è puntato a Tele Atlas per far proprie le mappe relative ad Europa e Stati Uniti. Se anche l’asta fosse andata in modo differente, però, ancora non ci sarebbe un esito definitivo perchè i dubbi dell’antitrust si basano sul fatto che uno dei due maggiori produttori di hardware per la navigazione satellitare acquista uno dei due titolari della cartografia stradale in esame. La cosa, dal punto di vista della commissione, può generare distorsioni sul mercato e la situazione merita dunque quantomeno un approfondimento. Ulteriori 90 giorni di sospensione sono la prassi seguita in casi di questo tipo.

Navteq, rivale di Tele Atlas, è già passata nelle mani di Nokia che per le mappe ha progetti pronti a partire su tutta l’offerta mobile del produttore di telefonini. La controparte invece rimane pendente dalle labbra della commissione: se l’operazione Tom Tom venisse fermata, anche per Garmin il risultato sarebbe identico e dunque per Nokia l’affare potrebbe essere doppio. Per gli investitori Tele Atlas invece potrebbe essere una notizia di grave impatto, in quanto il valore azionario piomberebbe ai valori antecedenti l’asta. Garmin, però, ormai non sarà più della partita: già concluso l’accordo con Nokia per avere accesso alle mappe Navteq fino al 2015.

Nello specifico l’indagine della Commissione Europea verterà sui costi del servizio e sui vantaggi che Tom Tom potrebbe avere nella gestione contemporanea di un mercato al minuto (tramite i navigatori) e di uno all’ingrosso (tramite le mappe).

Notizie su: