QR code per la pagina originale

Non si risolve il mistero 192.168.112.2O7.net

Non sono soddisfacenti le risposte che Adobe ha fornito per spiegare come mai alcuni suoi software all'avvio si colleghino all'URL 192.168.112.2O7.net e che tipologie di dati scambi con quello che si è scoperto essere il dominio di una società di tracking

,

Se è vero che in rete fioriscono le teorie complottistiche è anche vero che molte volte le grandi società le alimentano con comportamenti decisamente sospetti e spiegazioni molto poco eloquenti.

La storia sembra ripetersi di continuo e non fa eccezione il recente caso del mistero legato all’indirizzo 192.168.112.2O7.net che si è scoperto essere contattato ad ogni avvio da alcuni tra i più comuni programmi Adobe. L’indirizzo infatti lungi dall’essere quello che sembra (un indirizzo IP locale) nasconde l’URL di Omniture, una società di tracking.

La scoperta è arrivata da John Knack, un impiegato della stessa casa che sul suo blog aziendale ha segnalato per primo la pratica investigando e chiedendo spiegazioni come poteva. Tuttavia la casa di software non ha saputo fornire motivazioni rassicuranti. Secondo Adobe infatti il collegamento viene effettuato durante l’apertura del programma dal welcome screen per recuperare informazioni rilevanti da mostrare in un filmato swf e quello fatto all’URL in questione sarebbe un ping. Non ci sarebbero quindi informazioni personali di mezzo.

Ma alla domanda che chiedeva la spiegazione della scelta di un dominio così strano e palesemente ingannevole Adobe non ha saputo fornire risposta sostenendo che è stata Macromedia a fare la scelta e programmare quella sezione. La parte di codice in questione non è documentata e non si trova nessuno che ricordi come mai fu scelto il dominio 2o7.net e il sottodominio 192.168.112.

Al momento per evitare il collegamento sospetto a quello che è il dominio di proprietà di una società di tracking si può semplicemente disattivare il welcome screen dai software incriminati (Flash, Fireworks, Dreamweaver, Illustrator e InDesign), e Adobe provvederà quanto prima ad eliminare il collegamento.

Notizie su: