QR code per la pagina originale

Il WiiMote non è una invenzione Nintendo

Un ex dipendente della Midway ha svelato il prototipo di una coppia di controller da lui inventati otto anni or sono e molto simili al WiiMote utilizzato dalla console Wii. L'autore del progetto non ha però intenzione di citare in giudizio Nintendo

,

L’ultima console di Nintendo ha stupito il mondo intero grazie al suo originale ed innovativo sistema di controllo, contribuendo non poco a rivitalizzare il mondo dei videogame. Ora però sembrerebbe che il sistema di puntamento utilizzato dal Wii non sia poi così esclusivo e innovativo come dipinto dalla casa di produzione: Patrick Goschy, un ex dipendente della Midway, ha infatti pubblicato su YouTube un video (in embed a fondo pagina) registrato ben otto anni fa e al cui interno viene illustrato il funzionamento di un controller per videogiochi di sua invenzione, molto simile al WiiMote presente nella console Nintendo. L’autore del progetto non ha però intenzione (almeno per il momento) di citare in giudizio la casa giapponese per violazione di brevetto, in quanto sarebbe mosso solamente dal desiderio di veder riconosciuta la paternità della sua invenzione.

Il video in questione mostra Goschy alla prese con il gioco “Ready 2 Rumble Boxing”per la console Sega Dreamcast utilizzando un prototipo della coppia di controller da lui inventata; inevitabile un confronto diretto con il WiiMote di Nintendo, dal quale ne scaturisce una innegabile somiglianza. La casa giapponese ha prontamente preso le distanze dal progetto rivendicato da Goschy apportando la seguente dichiarazione: «il signor Goschy non ha inventato tale tecnologia o utilizzata con i videogiochi… sarebbe irresponsabile affermare o insinuare che tale invenzione sia in qualche modo collegata al sistema Wii».

Eppure l’autore non ha alcuna intenzione di rivendicare il brevetto legato al suo prototipo, il quale è stato depositato nel 1994 e pubblicato nel 1996: «voglio solo che la gente sappia. Volevo che la verità saltasse fuori», ha dichiarato Goschy, il quale teme che Nintendo abbia visto a suo tempo il video e che abbia condotto un accordo interno con la Midway per l’acquisizione della tecnologia mostrata nelle immagini. In effetti Nintendo e Midway sono da tempo legate nella produzione di videogiochi, anche se, a quanto sembra, i diritti dell’invenzione sono stati ceduti a quest’ultima al momento del distacco di Goschy dalla società.



Notizie su: ,