QR code per la pagina originale

P2P colpito dai cracker

,

In un mondo underground, come quello del P2P, non si era mai pensato che si potesse avere problemi con un altro mondo underground, quello dei cracker! Ebbene sì, purtroppo esistono le guerre anche in rete!

Ma vediamo un pochino di evidenziare gli utenti di entrambi i mondi, nel primo troviamo l’utente P2P, per il quale è importante condividere i propri file per una maggior divulgazione degli stessi, ma sempre mantenendo una certa etica; nell’altro troviamo i cracker, ovvero delle persone che entrano abusivamente nei sistemi altrui per manipolarli, o sfruttarli, in qualche modo.

Fatta la giusta introduzione, andiamo avanti per cercare di capire cosa sia successo. I vari cracker appartenenti alla crew cellkill hanno dichiarato, su torrentfreak.com, la volontà di “distruggere i sistemi P2P, un passo alla volta”.

Questo perché i vari sistemi di file sharing, e anche i siti per torrent, si appropriano di alcune release che non sarebbero disponibili per il grande pubblico, ma riservate alle varie cracker crew.

I “primi passi”, tanto per riutilizzare i loro termini, si sono realizzati con l’attacco a due sysadmin di siti per torrent.

Il primo ad essere stato colpito è stato l’amministratore di SuperTorrents, che porta il nickname Ersan, al quale è stata rubata la password di accesso, che tra le altre cose era la stessa per il suo account PayPal che conteneva le donazioni fatte al sito.

Inutile dire che i 2000 dollari che conteneva sono spariti, per riapparire successivamente come donazione ad un portale dedicato ad una religione per la quale Ersan si era rivolto in modo offensivo.

Un altro attacco è stato sferrato ad FTN, un sysop di un altro sito per torrent, a cui è capitata pressappoco la stessa sorte…

Speriamo che l’attrito tra questi due mondi diminuisca, anche perchè altrimenti sarà molto problematico il futuro del P2P!

Notizie su: