QR code per la pagina originale

Gennaio 2007 Apple in ribasso nonostante i risultati

,

Se guardiamo la quotazione del titolo Apple, in questo inizio di anno si vede una flessione dell’ordine del 25%, il 2 Gennaio il titolo era sulla posizione massima a 200,26 dollari, il 22 gennaio ha toccato il minimo a 146 dollari.

Quali sono i motivi di questo ribasso? Certo, in Gennaio le borse hanno subito pesanti perdite, ma la discesa delle quotazioni di Apple sembra iniziata ben prima del Lunedì nero (21 Gennaio) ed è insolitamente pronunciata.

Le previsioni di crescita delle vendite nel secondo trimestre sono in aumento del 29% e la compagnia ha concluso per effetto delle vendite natalizie il miglior trimestre della sua storia in termini di revenue.

Tuttavia, alcuni investitori stimano che una compagnia come Apple risentirà inevitabilmente della recessione e delle difficoltà del mercato americano. Inoltre Apple potrebbe essere vittima del suo stesso successo in quanto il mercato potrebbe essere saturo di prodotti con la mela, visto i trend di vendita passati, e quindi comunque soggetto ad una contrazione indipendentemente da altri fattori economici.

I dirigenti di Cupertino sottolineano i risultati ottenuti: nel 2007 Apple ha incrementato la sua quota nel mercato dei personal computer in USA, passando dal dato storico del 2-3% ad una quota del 6%, le vendite degli iPod sono andate molto bene e per quanto riguarda gli iPhone sono già stati piazzati circa 4 milioni di pezzi negli USA e le previsioni sono di vendere 10 milioni di iPhone nel 2008 raggiungendo l’1% del mercato mondiale dei telefoni cellulari.

Vedremo se i risultati saranno in linea con le previsioni della dirigenza e il trattamento che il mercato riserverà al titolo.

Notizie su: