QR code per la pagina originale

eBay utili 2007 in crescita ma…

,

Negli ultimi tre mesi del 2007, eBay ha guadagnato $530,9 milioni (39 cents per azione). Nello stesso periodo del precedente esercizio eBay aveva guadagnato 346,5 milioni di dollari, 25 cents per azione.

Le previsioni per il 2008 hanno tuttavia indispettito gli investitori: la società si aspetta utili da 37 a 39 cents di dollaro per azione nel primo trimestre corrente contro una previsione attesa dagli analisti di 40 cents.

Il 24 Gennaio il titolo di eBay è stato declassato da Citigroup da Buy a Hold e nella giornata ha accusato perdite nell’ordine del 6%.

Forse sull’andamento del titolo ha pesato anche la notizia del ritiro previsto in marzo di Meg Whitman amministratore delegato, da dieci anni, che dovrebbe lasciare il suo incarico in Marzo a John Donahoe.

Il futuro amministratore delegato di eBay ha già comunicato alcune “ricette” per rilanciare il sito: incrementare il numero di oggetti posti in vendita a prezzo fisso e diminuire le commissioni richieste ai venditori per porre in vendita i propri oggetti.

Il voler incrementare il numero degli oggetti messi in vendita a prezzo fisso, in un certo qual modo, comporterebbe un cambiamento di indirizzo del portale eBay che invece di un sito per aste online si avvicinerebbe sempre di più ad una vetrina messa a disposizione dei venditori, professionali, per commercializzare i propri prodotti.

L’idea di ridurre la tariffa che devono pagare i venditori per esporre i propri oggetti su eBay, commissione che deve essere corrisposta anche per gli oggetti invenduti, dovrebbe incrementare il numero degli oggetti posti in vendita.

Né i risultati del 2007, né le nuove proposte di Donahoe, né le previsioni del 2008, sotto le aspettative ma non di molto, hanno convinto il mercato che forse in questo periodo ha bisogno di certezze e conferme difronte ad una situazione volatile e con oscillazioni di quotazioni da brivido.

Notizie su: