QR code per la pagina originale

SpotMeta: potenziare le ricerche di Spotlight

,

Non si può negare ad Apple il merito di aver reso disponibile per tutti prima delle applicazioni (quali iTunes ed iPhoto) e poi un sistema operativo (Tiger con Spotlight) orientati all’utilizzo dei metadati (ne abbiamo già parlato in precedenza).

La tecnologia di Spotlight, però, può essere ulteriormente migliorata, grazie a SpotMeta, una semplice applicazione che permette di aggiungere e modificare i metadati che si possono associare ad un file.

Sostanzialmente, SpotMeta permette di aggiungere, tramite il sistema dei tag, informazioni personalizzate a qualunque file o cartella. Tali informazioni diverranno parte integrante del file e potranno facilmente essere condivise

Pensiamo ad una enorme libreria di foto: potremo aggiungere a ciascuna di esse informazioni riguardanti la data dello scatto o il luogo o qualunque altra informazione si ritiene utile. Ora basterà una semplice ricerca con Spotlight per ritrovare tutte le foto (e in genere i file) che soddisfano il criterio impostato.

SpotMeta si integra perfettamente con Finder: sarà semplice creare delle cartelle Smart che contengano determinati file (ad esempio tutti quelli elaborati nell’ultima settimana, tutte le foto scattate per un particolare cliente e via dicendo).

Si tratta di un’applicazione gratuita ed open source che, sebbene ancora in versione beta, merita di essere provata: potete scaricarla dal sito ufficiale.

Notizie su: