QR code per la pagina originale

Emirates Airline sperimenta RFID sui bagagli

I più affidabili trasmettitori RFID potrebbero presto sostituire i tradizionali codici a barre per la gestione dei bagagli negli aeroporti. Emirates Airlines sperimenterà la nuova tecnologia su 50.000 bagagli ogni mese a Heathrow

,

Sono milioni i bagagli smistati e gestiti ogni giorno dai principali aeroporti di tutto il mondo. L’organizzazione di una mole così consistente di valigie comporta spesso disguidi e, come molti hanno potuto sperimentare in prima persona, il definitivo smarrimento del proprio bagaglio. Nonostante l’uso sempre più intensivo di etichette con codici a barre collocate su tutti i lati delle valigie, i sistemi automatizzati compiono spesso degli errori nello smistamento, innescando un circolo vizioso che porta generalmente il bagaglio a essere imbarcato sul volo sbagliato. Il fenomeno non è solo un notevole fastidio per i viaggiatori, ma anche un danno economico considerevole per le compagnie aeree.

Per migliorare ulteriormente l’affidabilità dei sistemi di identificazione automatica dei bagagli, l’aeroporto di Heathrow ha da poco avviato la sperimentazione di una nuova tecnologia. Nel corso dei prossimi sei mesi, l’aeroporto di Londra – uno dei più trafficati al mondo – utilizzerà per parte delle valigie in transito i più affidabili trasmettitori RFID al posto dei comuni codici a barre. La fase di test coinvolgerà i passeggeri della linea aerea Emirates Airline sulla rotta tra Dubai (Emirati Arabi Uniti) e Londra, per un volume complessivo di circa 50.000 bagagli al mese.

A differenza dei tradizionali codici a barre, che possono facilmente deteriorarsi o causare una lettura scoretta se sporchi, i trasmettitori RFID offrono maggiore affidabilità, attivandosi automaticamente in prossimità degli scanner deputati a leggere le informazioni di cui sono portatori. Attraverso nove check-in studiati per la lettura dei chip RFID, Emirates Airline doterà i bagagli dei propri passeggeri con le nuove etichette intelligenti. In grado di comunicare molti più dati dei tradizionali codici a barre, per la prima fase di sperimentazione le etichette RFID forniranno i soli dati dei passeggeri utili al riconoscimento del bagaglio e allo smistamento verso il volo corretto.

Sottoposti a continue implementazioni, i trasmettitori RFID stentano ad affermarsi sul mercato a causa del loro costo ancora relativamente alto. Tuttavia, le etichette intelligenti offrono opportunità di impiego molto versatili e incomparabili con i tradizionali sistemi a codice a barre. Restando nel campo del trasporto aereo, in futuro si potrebbero immaginare valigie dotate di un sistema RFID integrato, in grado di rendere più veloci e sicure le procedure ai check-in. La società che ha in gestione l’aeroporto di Heathrow avrebbe già in progetto l’implementazione di un sistema integrato, basato su RFID, per conoscere la posizione del proprio bagaglio al terminal tramite un comune telefono cellulare: ipotesi affascinanti per un futuro forse meno lontano di quanto si possa immaginare.

Notizie su: