QR code per la pagina originale

Inizia l’era del Blu Ray

Toshiba ha alzato bandiera bianca, dunque le porte del futuro si aprono per lo standard Blu Ray voluto da Sony. Tutto sul formato che porterà l'alta definizione nelle case di tutto il mondo e tutto, soprattutto, sui costi di questa lenta transizione

,

Ebbene sì, il Blu Ray ha vinto. Toshiba ha alzato bandiera bianca, il suo HD DVD passerà soltanto più sui libri di storia dell’informatica ed entro pochi mesi ogni operazione attorno al formato perdente andrà a chiudersi. Il braccio di ferro è stato relativamente breve (se confrontato con alcuni noti precedenti del passato), ma combattuto a colpi di annunci ed investimenti, con una sorta di “caucus” che ha visto poco per volta le case produttrici spostarsi nell’angolo di Sony abbandonando quello di Toshiba.

Il comunicato ufficiale giunge dopo un weekend in cui alcuni rumor avevano già ampiamente preannunciato quello che stava per accadere. Questa fuga di notizie ha aiutato il mercato finanziario permettendo agli azionisti di iniziare a spostare i propri investimenti rivelando in leggero anticipo quelle che erano situazioni ormai prossime all’ufficializzazione. In una sorta di piccolo paradosso la borsa ha premiato Toshiba: inutile buttare altri soldi in una battaglia ormai perduta, meglio concentrarsi su altro (aperti nuovi investimenti in coabitazione con SanDisk). Le azioni Toshiba sono così subito andate al rialzo premiando gli effetti benefici di breve periodo derivanti dalla decisione intrapresa.

L’addio è affidato al Presidente Toshiba Atsutoshi Nishida: «Abbiamo attentamente valutato l’impatto di lungo termine nel proseguimento della cosiddetta “guerra dei formati di nuova generazione” ed abbiamo concluso che una decisione rapida avrebbe aiutato lo sviluppo del mercato». Nishida non nasconde l’amarezza per la conclusione della vicenda ma mette in campo il capitale umano Toshiba per perseguire l’obiettivo di «fare della convergenza digitale una realtà».

Il comunicato spiega inoltre che Toshiba inizierà a ridurre progressivamente la distribuzione dei player HD DVD fino ad una cessazione completa del business entro Marzo 2008. Stesse tempistiche sono previste anche per i supporti HD DVD sul mercato, con garanzie assicurate di assistenza per i clienti pregressi. Toshiba non nega inoltre il proprio apporto allo sviluppo della tecnologia DVD, confermando dunque i propri impegni in qualità di gruppo appartenente al DVD Forum.

Toshiba chiude laconica la propria missiva ringraziando i gruppi collaboranti (Microsoft, Intel, HP) e spiegando che gli asset venutisi a creare nei rapporti tra le parti verranno riciclati in futuro per nuovi progetti. In tutto il comunicato solo una parola chiave non viene mai riportata: “Blu Ray”. Ed è invece “Blu Ray” la parola che più andremo a riportare nelle prossime paginate di questo approfondimento.

  1. La vittoria del Blu Ray su HD DVD
  2. Cos’è il Blu Ray
  3. La guerra con HD DVD
  4. L’importanza della PlayStation 3
  5. Ma ora la sfida è con il web / 1
  6. Ma ora la sfida è con il web / 2
  7. VHS vs Betamax: quella fu un’altra storia
  8. Blu Ray, ma quanto ci costi?
  9. Conclusioni

Notizie su: