QR code per la pagina originale

La posta di Virgin Media è in affanno

Undici ore di ritardo nel ricevere i messaggi email. Da giorni un misterioso bug rallenta il 10% degli account di posta elettronica di Virgin Media. La società ha chiesto aiuto a Microsoft, ma il problema pare ancora irrisolto

,

Un misterioso rallentamento sta affliggendo in queste ore la maggior parte delle caselle di posta elettronica di Virgin Media. La società è immediatamente corsa ai riparti, richiedendo a Microsoft un aggiornamento urgente per risolvere il bug – non ancora del tutto acclarato – che starebbe rallentando il sistema. Il problema sarebbe stato riscontrato già un paio di settimane fa, ma al momento i tecnici non sarebbero ancora riusciti a sistemare il malfunzionamento.

Uno degli otto cluster server di Virgin Media dedicati alla posta risulta costituire il nodo centrale del problema. Su alcuni forum di discussione, taluni utenti hanno dichiarato di ricevere i messaggi di posta elettronica con una media di undici ore di ritardo. Calcolato il numero di account presenti sul cluster, è possibile ipotizzare che una casella email su dieci di Virgin sia affetta dal grave malfunzionamento. Nonostante l’interessamento di Microsoft, e i numerosi riavvii del cluster difettoso, il problema continua a presentarsi ormai dall’inizio di febbraio, con l’evidente disappunto di migliaia di utenti.

Il bug potrebbe indurre Virgin ad accelerare la transizione verso il sistema Exchange 2003 che, nelle previsioni dei tecnici, dovrebbe aumentare la velocità media dei cluster server per la posta. «Non è stata una buona settimana e naturalmente ci scusiamo per tutti i disservizi che questa situazione ha creato» ha dichiarato Alex Brown, uno dei massimi responsabili di Virgin Media. Il product manager si è detto fiducioso nella possibilità che la migrazione a Exchange 2003 possa scongiurare in futuro eventi così infausti. I tecnici sono, intanto, al lavoro per risolvere l’enigmatico bug che sembra ancora affliggere numerosi account di posta.

Notizie su: