QR code per la pagina originale

San valentino, Yahoo e Dr Pepper

,

Per San Valentino, la Dr Pepper (che appartiene al gruppo Cadbury Schweppes) ha messo in piedi un’originale campagna pubblicitaria per promuovere la sua Cherry Chocolate Diet Dr Pepper con il supporto di Yahoo.

È possibile trovare ancora online il minisito dove c’è tutta l’iniziativa: valentinesinvegas.yahoo.com

Già dal nome del dominio si capisce di cosa si tratti: matrimoni a Las Vegas il giorno di San Valentino.

This Valentine’s Day, Diet Dr Pepper and Yahoo! are setting up shop in the Hard Rock Hotel & Casino just off the Vegas Strip. We’re throwing a 24-hour wedding extravaganza that’s sure to be the talk of the town. Come get married, renew your vows, or just join the party! Who knows who will be there? It’s a great party and you’re all invited.

La pianificazione è stata precisa: è possibile addirittura prenotare a un prezzo speciale la camera d’albergo all’Hard Rock Hotel o al Palazzo (con tanto di petali rosa e uno sconto sul giro in gondola).

Al di là che la cosa possa piacere o no, è interessante (e divertente) vedere l’integrazione di tutti gli strumenti web 2.0 di condivisione e partecipazione degli utenti usati nel sito.

Oltre all’aver messo insieme tutti i luoghi comuni dell’America più pazza e assurda (i matrimoni a Las Vegas celebrati da Elvis!).

Da ammirare lo sforzo creativo di mettere in piedi una cosa così assurda…

Ma vediamo cosa si sono inventati dal punto di vista del web marketing:

Marry my avatar è una delle possibilità della campagna su Yahoo

L’inserimento dell’evento in un network sociale di avvenimenti come upcoming, le foto inserite su Flickr (quasi 300), la possibilità di vedere i video dei matrimoni più divertenti, la possibilità di lasciare un messaggio personalizzato sul tabellone delle dediche, la possibilità di sposare virtualmente il proprio avatar con quello di un amico che ha un account yahoo (con tanto di nozze gay se si desidera), per non perdere nessuno di questi eventi, i feed Rss. E dopo le nozze, se si vuole ringraziare chi ha partecipato, si può mandare una e-card.

Fuori dal sito la campagna è stata sostenuta con banner, pay per click e rich media sia prima che durante. Inoltre l’azienda ha sponsorizzato la home page di Yahoo il 15 febbraio per ricordare l’evento:

“It’s about reminding people what happened, engaging, building awareness”.

Yahoo aveva già fatto questo genere di minisiti (per esempio con Gap) in passato.

Una curiosità: una delle volte che sono tornata sul sito in questione mi sono trovata di fronte un sondaggio di Yahoo (probabilmente mi hanno “riconosciuta” come visitatrice frequente) che da una parte voleva capire se conoscevo le varie diet soft drinks, dall’altra invece cercava di capire quali sono i criteri per cui io posso scegliere di bere una bibita di questo tipo. Una delle opzioni era “Is a cool brand to be seen with”. In questa affermazione mi pare si concentri la visione dietro a un’iniziativa del genere.

Notizie su: