QR code per la pagina originale

TripTouch: turismo e viaggi in stile 2.0

,

Avete intenzione di vistare una nuova città? Oppure avete la necessità di programmare un viaggio in una delle grandi capitali europee? Magari volete riuscire a conciliare ad una trasferta lavorativa anche qualche momento di diletto… Allora TripTouch è l’applicazione 2.0 che può fare al caso vostro.

Come funziona? È semplice: si registra un account e si inseriscono le città che si vogliono visitare o che abbiamo visitato. L’homepage di Triptouch, che rappresenta il suo punto forte, si occuperà di aggregare tutte le informazioni che potrebbero interessarci: previsioni meteorologiche, curiosità sulla città, alberghi, ristoranti, mappe e cartine, fotografie e molto altro saranno messe a disposizione dell’utente per fare in modo che l’organizzazione del viaggio divenga una cosa semplicissima.

Nel complesso e alla luce di analisi generali emerge un servizio interessante, ma ancora in versione beta che paga dunque sotto differenti aspetti: l’homepage non è personalizzabile come potrebbe avvenire in iGoogle, le informazioni risultano spesso incomplete, sommarie o confuse, tali da non essere del tutto affidabili. Il servizio è comunque interessante e merita di essere tenuto d’occhio se non altro per eventuali possibili viaggi programmati.

A mio modo di vedere si tratta di una tendenza troppo diffusa in ambito web, mi riferisco al fatto di rilasciare servizi prima ancora che siano correttamente sviluppati e testati.

TripAdvisor offre servizi simili, specie fornendo la possibilità di commentare e suggerire locali e punti di interesse. Quella di organizzare viaggi online sembra essere nuova tendenza che si va ad aggiungere all’incredibile mole di applicazioni 2.0 già presenti nella rete.

Certo è che in un universo così vasto nel quale scegliere, diviene necessario comprendere quali siano le nostre vere esigenze ed evitare di perdere del tempo con applicazioni che possono essere sostituite da metodi tradizionali: vecchi ma – sicuramente – meno dispersivi.

Notizie su: