QR code per la pagina originale

ISP pachistano blocca YouTube per due ore

Volendo interdire l'accesso al sito di condivisione video di Google ai propri clienti, un ISP pachistano ha in realtà dirottato in una sorta di buco nero tutto il traffico del pianeta diretto a YouTube. Due ore di black-out per colpa di alcune vignette

,

Due ore di totale black out di YouTube fanno notizia, anche se spesso il server è down, ma

ancora di più va sottolineato come il problema fosse totalmente fuori dal controllo di Google.

Che non ci fossero cartelli di scuse che promettevano di tornare a breve e cose simili non poteva che

essere il preludio di qualcosa di diverso e di più importante.

Infatti non si trattava di manutenzione o di qualche problema interno all’azienda, ma la causa va

cercata all’esterno. Dopo due ore di rincorse, indagini e tentativi di ripristinare l’accaduto si è

scoperto che a causare il blackout era stato un ISP pachistano che, nel tentativo di

bloccare l’accesso al sito di condivisione video, aveva invece causato un blocco totale in tutto il mondo,

attirando a sè le richieste destinate a YouTube. La BBC accredita all’ISP ed alla

Pakistan Telecom l’origine del misfatto.

Il motivo scatenante il blocco è stato nel fatto che il service provider PCCW aveva deciso di

non permettere ai suoi clienti di accedere ad un sito dove erano visibili dei cartoni danesi che prendono

in giro Maometto. Ma la tecnica usata per bloccare l’accesso è stata portata avanti con

metodologia sbagliata. L’azienda pachistana ha infatti dirottato l’IP di YouTube e ha passato le

informazioni attraverso i suoi server così che le richieste di connessione arrivassero all’ISP e

potessero essere bloccate. Le informazioni sono perà state mandate per errore agli altri ISP

nel mondo che hanno bloccato anch’essi l’accesso dirottandolo nel buco nero creato da

PCCW.

Per porre riparo all’accaduto è stato necessario contattare proprio PCCW. Da YouTube si

dichiara di non voler credere in un’azione portata avanti con dolo, ma solo ad un errore. Ad ogni modo

anche la sola decisione di applicare una censura ai video in rete sta causando problemi in Pakistan

dove l’opinione pubblica cominciare a dare seri segni di insofferenza. Nel paese orientale YouTube continua ad

ora ad essere censurato e dalla Pakistan Telecommunication Authority è giunta espressa richiesta di rimozione del

video come requisito fondamentale al ripristino dell’accesso al sito nel paese.

Notizie su: