QR code per la pagina originale

[Guida] Abilitazione del 4 Gigabyte RAM Tuning

,

Per quanti di voi, nel tentativo di far vedere ai sistemi Windows 32-bit 4 Gb di memoria, non abbiano ottenuto successo nemmeno con l’abilitazione della tecnologia PAE, esiste un altro metodo che in questi ultimi mesi sta riscuotendo numerosi consensi: si tratta della funzione 4 GigaByte Memory Tuning, meglio nota come 4GT.

Di default, un sistema operativo Windows a 32-bit utilizza uno spazio virtuale di allocazione pari a 4Gb, del quale assegna 2Gb ai processi in modalità utente, quali le applicazioni, ed i rimanenti 2 Gb ai processi in modalità Kernel, quali sistema operativo e driver kernel.

Tramite l’abilitazione della funzione 4 Gigabyte Tuning, verrà effettuata una modifica all’allocazione di default per cui verrà assegnata più memoria alle applicazioni (come vedremo di seguito 3Gb mediante il parametro /3GB), e la rimanente al sistema operativo.

Grazie a questa nuova allocazione, il sistema potrebbe essere in grado di riconoscere l’intero quantitativo di memoria installata, così da sfruttare del tutto l’hardware a propria disposizione.

4 Gb Tuning si attiva con le stesse modalità del PAE su Windows XP Professional 32-bit, Windows Server 2003, Windows 2000 Datacenter Server e Windows 2000 Advanced Server, ovvero mediante l’aggiunta al file boot.ini del parametro /3GB, anche contemporaneamente al PAE.

Al contrario, su Windows Vista 32-bit, differente dagli altri in quanto sprovvisto di un file boot.ini per l’avvio, mediante l’apposito comando “BCDEdit /set increaseuserva” seguito da un valore compreso tra 2048, ad indicare il valore di 2Gb così come previsto di default, e 3072, ad indicare il valore di 3Gb.

Anche sui sistemi con boot.ini è possibile precisare un valore differente di memoria da allocare alle applicazioni. Infatti il parametro /3GB, che imposta la memoria virtuale per le applicazioni a 3Gb, può essere accostato dal parametro /USERVA seguito dal quantitativo di memoria desiderato così come su Windows Vista.

Per i dettagli su come aggiungere i parametri al boot.ini vi rimando all’articolo Guida all’abilitazione del PAE anche su Windows XP 32-bit, mentre per l’utilizzo del comando BCDEdit vi rimando all’articolo Guida all’utilizzo di 4 GB di RAM: l’abilitazione del PAE su Windows Vista 32-bit.

Ricordo a tal proposito che, stando a fonti attendibili, il problema del mancato riconoscimento dei 4 Gb di memoria è stato risolto con il nuovo Service Pack 1 per Windows Vista, in uscita tra poche settimane ed installabile automaticamente attraverso il Windows Update. Nessuna notizia è ancora giunta invece per quel che riguarda il Service Pack 3 di Windows XP, in uscita anch’esso a breve.

Come di consueto vi invito a commentare con le vostre testimonianze.

Notizie su: