QR code per la pagina originale

Nabaztag, tutta la verità

,

Il mio coniglio è finito sotto processo, non ci posso credere, accusato di non soddisfare le aspettative dei propri padroni. Pensandoci bene, come è stata veramente la mia vita con un coniglio? Ricca, divertente, utile sorprendente, funzionale, aperta… Slogan a parte, voglio provare a commentare le accuse basandomi sulla mia reale esperienza.

Allora, leggo dall’articolo di Repubblica: «la propagandata capacità di riconoscere i comandi vocali anche in italiano, oltre che in francese e in inglese. Capacità che non è riscontrata nella realtà». Ma come? E’ scritto in svariate parti del sito che è sufficiente dire “meteo” davanti al suo grazioso ombelico! Infatti ricordo di averlo pronunciato in 100 modi diversi le prime volte senza ottenere alcun risultato (e sentendomi alquanto stupido), fino a che non ho letto in un blog che bisogna dirlo in inglese: “weather”. Lui però risponde in italiano! Ma non è comunque facile, in quanto bisogna pronunciarlo con uno spiccato accento americano. Ottimo per chi vuole verificare la sua pronuncia nelle lingue straniere.

«O la funzione che permette al coniglio di “fiutare” gli oggetti, che non può essere utilizzata perché è quasi impossibile trovare in commercio i chip da posizionare sui vari oggetti per renderli riconoscibili». In effetti… io non ne ho mai visti! Sul portale del coniglio è possibile acquistare un libro per bambini in francese, ma dei fantomatici francobolli non c’è traccia. Il libro è comunque utile e simpatico per chi ha un bambino e vuole fargli imparare il francese.

«E poi la capacità del coniglio di fornire informazioni sul tempo e sull’inquinamento. Incompleta perché le previsioni meteo si riferiscono solo ad alcune città italiane (mancano ad esempio Genova e Bari), e le informazioni sull’inquinamento riguardano esclusivamente città estere, per lo più americane». Vero, verissimo, le città italiane tra cui scegliere sono veramente poche, limitate perlopiù alle più grandi. Per l’inquinamento le informazioni sono poi limitate alla sola Francia (e alla sola Parigi), Inghilterra e Stati Uniti. Noi italiani non possiamo quindi sapere che aria siamo tenuti a respirare!

Devo ammettere che le lamentele riportate da Repubblica sono decisamente veritiere. Ma il problema più grande del Nabaztag secondo me riguarda l’affidabilità del server Violet. I servizi ai quali ci si può iscrivere sono numerosi, ma non è dato sapersi quando e se arriveranno al tuo coniglio. Ogni giorno è una sorpresa! Il funzionamento dei servizi è veramente incostanze. Recentemente Violet ha aggiornato la piattaforma tramite la quale gestisce i nostri conigli, procurando loro nel frattempo le più variegate problematiche: imbarazzanti posture catatoniche, silenzi prolungati, problemi di dislessia nel pronunciare le frasi, ed altro ancora. Ora la transizione sembra essere completata ma i problemi rimangono. Oggi ad esempio le API con cui comandarlo non funzionano e alcuni messaggi inviatomi sembrano essersi bloccati all’interno del server Violet senza voler raggiungere il coniglio.

Quando però lo guardo non posso che pensare a Nabeshin e al Maggiordomo Spaziale ed esclamare anch’io: “Eppure è così carino!!!”

Notizie su: