QR code per la pagina originale

Vi invito a farvi invitare. Invitante, no?

,

Gmail, Yahoo Mail, .Mac, AOL, Live Mail e ancora Live Messenger, Gtalk, Yahoo Messenger e Icq…

La moltiplicazione dei servizi online per la messaggistica ha portato a una vera e propria babele di indirizzi, nickname, avatar e password da ricordare. Per comunicare con Caio usiamo Live Messenger, mentre invece Tizio usa solo Gtalk e così eccoci pronti a creare un nuovo account. Poi magari salta fuori Sempronio che da sempre usa Icq e così ci tocca creare l’ennesimo account. Chi si lascia prendere un poco la mano rischia di creare una pletora di identità online, infliggendosi la poco gradevole pena di fare il proverbiale “giro delle sette basiliche” per controllare tutti gli indirizzi di posta o comunicare dal vivo con i propri contatti. Un piccolo inferno di password e nomi, spesso alquanto arzigogolati, da ricordare e sciorinare sulla tastiera del computer, possibilmente distanti da sguardi indiscreti.

Per ovviare alla moltiplicazione delle identità di ogni singolo internauta, numerose Web company stanno studiando sistemi onnicomprensivi per aggregare in un unico luogo l’esponenziale crescita dei nostri ego online. Tra i progetti più interessanti, merita particolare attenzione una startup, che ha da poco lanciato il suo portale dal nome (forse un poco infelice) Orgoo. In rigorosa fase di beta test, il servizio permette di condensare in un unico account tutti i nostri indirizzi email e gli accounti dei principali sistemi di messaggistica istantanea online.

Attraverso una interfaccia molto semplice, si possono aggiungere tutti i servizi utilizzati sul Web che Orgoo dovrà organizzare e tenere in ordine per noi. Grazie all’invito dell’ottimo Vittorio, ho iniziato a sperimentare le funzioni offerte dalla startup. Esaurita la curiosità iniziale, sono stato pervaso da un buon grado di stupore per la semplicità del sistema e il suo principio di funzionamento. Certo, qualche bug verrà sicuramente fuori, ma Orgoo sembra essere proprio pronto al successo in Rete… fino a prossima acquisizione, naturalmente.

La fase di prova è al momento privata e per accedervi vige il tradizionale sistema ad inviti. Ho a disposizione cinque inviti, che metto a disposizione dei voraci e competenti lettori del blog e di Webnews. L’assegnazione avverrà tramite la cara vecchia legge della giungla, o della poltrona: chi primo arriva ottiene l’invito. Dunque, se siete interessati lasciate un commento e provvederò a mandarvi l’agognato invito.

Notizie su: