QR code per la pagina originale

Skybox, interfaccia amichevole per Windows Mobile

,

Un’ulteriore proposta per ridisegnare e personalizzare l’interfaccia di un palmare giunge da Teksoft, che propone l’applicativo Skybox per Windows Mobile. Esso rappresenta un ulteriore tentativo verso la semplificazione dell’interazione tra utente e sistema operativo, che può avvenire attraverso l’uso di un dito.

La filosofia che ne ha guidato lo sviluppo è consentire un accesso rapido e intuitivo alle funzioni principali rese disponibili dal sistema operativo, offrendo al tempo stesso la massima libertà di configurazione.

All’avvio si osserva la suddivisione della schermata in una matrice di 9 elementi grafici quadrati (3×3). Nella parte superiore vi è una piccola striscia orizzontale contenente alcune icone che servono a richiamare la sezione principale del programma, la finestra “Oggi” e una schermata che riassume lo stato su prossimi appuntamenti, attività non completate, messaggi non letti e chiamate non risposte.

Con il tocco di un semplice dito, ciascuno di essi può eseguire direttamente un programma, aprire un pannello di sistema o richiamare una nuova finestra composta a sua volta da 9 caselle. Gli elementi possono in alternativa essere scorsi e selezionati con i tasti di navigazione del palmare.

Si possono inoltre creare collegamenti con specifici file, documenti e pagine iniziali di siti Web, aspetto che può risultare utile in varie situazioni operative. La predisposizione di Skybox verso la personalizzazione è confermata dalla possibilità di aggiungere plugin e skin di terze parti per soddisfare ulteriori esigenze. L’accesso al programma può avvenire secondo diverse modalità, assegnando eventualmente a tasti hardware le funzioni di richiamo di determinati componenti.

L’idea, anche se non innovativa, è comunque degna di nota per chi desideri sperimentare un’interfaccia amichevole dal look accattivante e si appoggi prevalentemente a certe applicazioni o strumenti di sistema. La logica basata su matrici annidate, se da un lato lascia ampi margini di configurazione, dall’altro rischia di rallentare la selezione di menù o opzioni raggiungibili più rapidamente con l’interfaccia nativa.

Notizie su: