QR code per la pagina originale

Remember The Milk per piccoli schermi

,

Remember The Milk, uno dei più conosciuti task manager online, possiede anche una versione mobile, raggiungibile all’indirizzo m.remeberthemilk.com.

Di seguito il risultato di una mia analisi fatta allo scopo di verificare quanto l’ennesimo porting di un servizio pensato e progettato per un’esperienza Internet con browser desktop, sia riuscito a preservarne le funzionalità anche nell’accesso da piccoli schermi.

La land page di accesso al sito mobile presenta subito una classica mancanza: la possibilità di registrarsi come nuovo utente, delegando ciò solo alla versione full di Remember The Milk. Una volta entrati, comunque, mi accoglie una pagina che riporta le funzioni più utilizzate, ognuna delle quali è accessibile anche grazie ai tasti numerici, indice che cellulari e smartphone sono stati inclusi nell’ottimizzazione.

È possibile controllare le attività pianificate per giorno odierno, per domani e per tutti i giorni della settimana corrente. Non è invece presente una vista con i task di tutta la settimana. Si può inoltre accedere alla lista divisa per categoria e ai raggruppamenti per tag e locazione.

Per quanto riguarda l’aggiunta di nuovi task, le due versioni presentano più o meno gli stessi campi. L’unica limitazione riguarda la locazione, dato che si può solo scegliere tra una lista di quelle già create senza poterne aggiungere di nuove direttamente dalla schermata di inserimento task.

Proprio quest’ultima operazione non è supportata nella versione mobile, sicuramente per l’intrinseca difficoltà del realizzare una cosa del genere su piccoli schermi.

Completa la lista delle funzionalità quella dei Settings, che permette di controllare quali sono gli indirizzi di posta, il feed RSS e gli URL iCalendar per gestire le proprie attività.

In definitiva, sono rimasto ben impressionato da quanto offerto. Aspetto solo che, come succede per il sito full, venga implementata la possibilità anche per quello mobile di essere usato offline grazie a Google Gears, anzi, semplicemente Gears dato il recente ribattesimo.

Notizie su: