QR code per la pagina originale

Xbox360, arriva la nuova versione da 60GB

Il divario tra un modello da 20Gb e uno da 120Gb era troppo anche secondo Microsoft così all'E3 di Los Angeles è ufficiale che sarà annunciata la nuova versione da 60 Gb venduta al medesimo prezzo di quella da 20Gb, la quale scende invece di 50 dollari

,

L’annuncio che tutti aspettavano (controller in stile Wii a parte) è arrivato e si tratta di una delle rivelazioni più anticipate del prossimo E3: il taglio di prezzo e la nuova versione per la Xbox360. Tra il modello con hard disk da 20Gb e quello con hard disk da 120Gb se ne inserisce ora uno da 60Gb per 350 dollari, lo stesso prezzo che prima era del modello da 20Gb (il quale passa a 300 dollari).

La motivazione è presto detta: il mare di contenuti extraludici che sono scaricabili dal portale Xbox Live rende necessaria una capienza in espansione e un salto da 20 a 120Gb era un po’ troppo drastico. Anche Microsoft è interessata dunque a promuovere la propria console come un centro multimediale, e aumentando la capienza si conferma infatti una sempre maggior rilevanza per i servizi di download.

«Sappiamo che i nostri clienti hanno bisogno di sempre maggior spazio per immagazzinare i contenuti di Xbox Live e siamo pronti a darglielo senza spese extra» ha dichiarato Albert Pennello, director of product management di Microsoft «Nessun device offre l’ampiezza e la profondità di intrattenimento che la Xbox può veicolare».

Certo resta da vedere se le nuove console non avranno gli stessi problemi di malfunzionamento che da tempo affliggono le Xbox rendendole le console più difettose nella storia della videoludica. Sembra poi che all’E3 Microsoft possa annunciare anche l’attesa collaborazione con Netflix per vedere i film del suo catalogo in streaming attraverso la console. Nonostante già esistano sistemi che permettono di fruire dei contenuti di Netflix sul televisore attraverso la Xbox, ancora non c’è invece una via semplice ed ufficiale per godere dei benefici del proprio account direttamente dalla console.

Sul lato Sony, per il momento, nessuna novità: il gruppo conferma di non avere in mente ulteriori tagli del costo della propria console e non risponde dunque immediatamente al nuovo strappo imposto da Redmond.