QR code per la pagina originale

Apple dichiara guerra ai cloni della Psystar

,

Ricordate quella azienda della Florida che ha “osato” vendere PC completi, chiamati Open Computer, su cui è installato il sistema operativo Mac OS X 10.5 (Leopard) della Apple?

La Psystar, dallo scorso mese di Aprile, distribuisce cloni della Mela a prezzi irrisori, se confrontati con quelli dei Mac originali. Inizialmente pochi credevano che una piccola società potesse correre questo “rischio”, ma quando è iniziata la consegna dei primi prodotti, molti si sono chiesti quando sarebbe arrivata la scure di Apple.

Ebbene, agli inizi del mese, l’azienda di Cupertino ha presentato, presso la Corte Distrettuale della California, la documentazione relativa al procedimento legale contro la Psystar.

Le accuse sono: violazione del diritto d’autore, istigazione alla violazione del diritto d’autore e violazione del marchio. Apple chiede inoltre che Psystar sospenda la vendita dei suoi prodotti, ritiri dal mercato tutti gli Open Computer (compresi quelli già venduti) e paghi un risarcimento danni pari al triplo dei profitti ricavati dalle vendite.

La licenza d’uso di Mac OS X prevede che il sistema operativo venga venduto solo insieme a sistemi completi basati su hardware Apple, mentre secondo Psystar la licenza rappresenterebbe una violazione delle leggi antitrust e quindi l’utente che l’ha acquistata può installare Mac OS X anche su hardware diverso.

Apple certamente stava preparando da tempo l’azione legale da intraprendere, ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso potrebbe essere stata la distribuzione dell’upgrade alla versione 10.5.4 di Leopard da parte della Psystar.

Il destino dell’azienda della Florida sembrerebbe dunque segnato, anche se sono attese le sue contromosse per difendesi dalle accuse. Difficile anticipare la conclusione della vicenda; alcuni utenti però sperano che ciò possa “convincere” Apple a commercializzare i suoi Mac a prezzi più abbordabili, altri invece che la Psystar fallisca perché ha “disonorato” il marchio della Mela.

Nel frattempo, è già pronto EFiX, un dispositivo che permette di trasformare un comune PC in un clone del Mac. Anche i suoi sviluppatori hanno le ore contate?

Notizie su: