QR code per la pagina originale

Ubuntu, ispirazione Apple

Secondo il fondatore di Ubuntu, Mark Shuttleworth, la famosa distribuzione Linux dovrebbe migliorare la propria interfaccia esprimendo così pienamente il proprio potenziale. L'obiettivo è ambizioso: superare Apple nel design del sistema operativo

,

Sembra avere le idee molto chiare Mark Shuttleworth, il fondatore di Ubuntu, una delle più famose distribuzioni create per il sistema operativo Linux. Intervenuto nel corso della O’Reilly Open Source Convention (OSCON) in Oregon, USA, il tycoon del Sud Africa ha esposto la sua visione per il futuro di Ubuntu, OS sempre più apprezzato dagli utenti e utilizzato in numerosi contesti al posto del tradizionale software proprietario. Un’idea di fondo guida Shuttleworth: creare un ambiente software migliore di quello prodotto da Apple.

«Possiamo superare Apple nell’esperienza per l’utente che distribuiamo?» ha chiesto il creatore della Ubuntu Foundation rivolgendosi direttamente alla platea di sviluppatori nel corso del suo intervento all’OSCON. Secondo Shuttleworth, infatti, l’attuale interfaccia non consentirebbe a Ubuntu di esprimere in pieno il proprio potenziale, risultando talvolta ostica nel suo utilizzo da parte degli utenti meno esperti. Rendere il sistema operativo con un migliore design non costituirebbe, dunque, un semplice cambio di immagine, ma l’occasione per rendere ancora più semplice e immediato l’utilizzo della distribuzione Linux. Un obiettivo molto complesso da raggiungere e per il quale Shuttleworth ha spronato i partecipanti alla Convention.

Secondo numerosi sviluppatori Linux, però, l’ambizione del milionario del Sud Africa potrebbe incontrare non poche difficoltà per essere realizzata. Progettare e creare applicazioni software con codice aperto è un’operazione che generalmente coinvolge un ampio bacino di sviluppatori, desiderosi di partecipare in maniera attiva al processo creativo, fornendo costantemente consigli, critiche e nuove modifiche da discutere. Raggiungere rapidamente i nuovi standard proposti da Shuttleworth richiederà, probabilmente, un’organizzazione maggiormente rigida e scrupolosa per coordinare tutti i partecipanti al progetto.

Notizie su: