QR code per la pagina originale

Portatili VAIO a rischio surriscaldamento

Pronto il ritiro di tutti alcuni modelli della serie TZ di Sony VAIO a causa di un problema di costruzione. Cavi troppo vicini ad un cardine oppure vite mal posizionata possono causare scottature o corto circuiti. Ancora problemi per Sony dunque

,

Si torna a parlare del ritiro di massa di un prodotto Sony dal mercato. Tocca stavolta, infatti, ad alcuni portatili della serie VAIO TZ, il tutto a causa di un malfunzionamento che surriscalda eccessivamente la macchina con possibili pericolose conseguenze per l’utilizzatore.

La definizione ufficiale del problema descrive un «posizionamento irregolare di alcuni cavi vicino ai cardini del computer e/o disallineamento di una vita del cardine che può causare un corto circuito o un surriscaldamento»: da qui deriva il rischio di “bruciature”, sostengono in Sony.

Il ritiro arriva dopo che la casa ha ricevuto notifica di 15 casi di surriscaldamento che hanno portato ai clienti bruciature di poco conto sui portatili VAIO VGN-TZ100, VGN-TZ200, VGN-TZ300 e VGN-TZ2000, macchine con schermo da 11,1 pollici. Ma dato che non tutte le unità soffrono del problema ed è la stessa casa a consigliare tutti i proprietari di consultare l’assistenza per sapere se devono mandare o meno alla casa madre la propria macchina: le unità potenzialmente pericolose sarebbero 440.000 secondo Bloomberg) ed il caso sarebbe emerso in seguito alla segnalazione di 15 notebook surriscaldati ed un isolato principio di incendio. Per l’identificazione dei modelli vulnerabili Sony offre le seguenti indicazioni:

  • «Tutti i modelli contrassegnati dal numero di modello che inizia per “VGN TZ1” (ad esempio VGN-TZ11XN/B)»;
  • «Tutti i modelli contrassegnati dal numero di modello che inizia per “VGN TZ2” (ad esempio VGN-TZ21WN/B)»;
  • «Alcuni modelli contrassegnati dal numero di modello che inizia per “VGN TZ3” (ad esempio VGN-TZ31VN/R)»;

Il sito ufficiale Sony ha messo inoltre a disposizione una pagina di assistenza per l’utenza italiana nel quale viene spiegato: «Il problema riguarda un numero limitato di unità che potrebbe surriscaldarsi e provocare la deformazione del rivestimento della presa del cavo di alimentazione del PC (DC jack inlet) e delle zone adiacenti al pannello LCD. A riprova del nostro impegno costante per la soddisfazione del cliente e a titolo cautelativo, Sony sta avviando volontariamente un programma di controllo ed eventuale ripristino gratuito al fine di assicurare che tali unità siano conformi agli elevati standard qualitativi dei nostri prodotti». Vengono pertanto forniti due modalità differenti per contattare l’assistenza: un numero verde.

Dopo la famosa storia delle batterie che prendevano fuoco del 2006 e quella meno eclatante dell’agosto scorso (che alla fine coinvolse anche Apple, Dell, Acer e HP) arrivano ancora problemi di stabilità sull’hardware dei portatili (nel caso specifico si tratta di macchine che arrivano a costare anche 4.000 dollari). La motivazione di una simile ondata di problemi può facilmente essere fatta risalire al fatto che i portatili si vendono in quantità sempre maggiori e sono ormai il prodotto di punta dei costruttori, ancor più dei pc desktop. Non stupisce quindi che la corsa alla supremazia del mercato comporti un certo numero di malfunzionamenti su macchine dall’architettura più complessa degli standard normali.

Notizie su: