QR code per la pagina originale

Studiamo “I’m a PC”

,

Forse è un tentativo di far capire agli utenti che i PC sono come noi: “sbagliano”. Che tradotto in linguaggio informatico significa che “crashano”, si auto-rallentano, si fondono, si rompono. Bill Gates cerca di umanizzarsi nei confronti della platea lanciando una campagna di marketing ambiziosa, contrapponendola al feroce attacco sferrato tempo fa dalla Apple.

È un tentativo che segna un’epoca, come tante altre realtà ex-monopoliste, Microsoft ha cominciato ad affilare le armi per contrastare la concorrenza. È come imparare a leggere e a scrivere. Prima non c’era nessun altro con cui confrontarsi, il modello di business di Windows stava al di sotto della soglia elementare: porto sul mercato un prodotto che ho soltanto io, i clienti faranno il resto.

E “il resto” ha fatto accumulare a Gates un patrimonio da Paperone, che ora viene eroso da due agenti: la pirateria e i competitor.

Per battere i secondi, certamente non basterà uno spot, un elemento piuttosto fine a sé stesso e buono per attività di ricerca e case-studies…

Notizie su: