QR code per la pagina originale

Joost arriva per primo sull’iPhone

Quella di Joost è la prima applicazione gratuita per iPhone in grado di trasmettere in streaming e on demand video di film, e show televisivi. L'esperienza sebbene con qualche scossone viene descritta come ottimale e si attendono i rivali

,

Nonostante qualche problema iniziale di stabilità Joost ha lanciato la sua applicazione gratuita per iPhone, un piccolo software che consente di fruire di video televisivi, musicali e cinematografici dal telefono Apple.

Si tratta della prima applicazione simile per iPhone, cioè della prima volta che effettivamente si possono vedere film in streaming e buona qualità su un dispositivo portatile grande quanto un telefono. E l’esperienza, stando alle molte voci di chi l’ha testato, non sarebbe assolutamente malvagia.

L’applicazione ovviamente è gratuita come anche la fruizione di video, e ha un’interfaccia a metà tra quelle tipiche da iPhone e i temi e i colori del sito di Joost. Si scorre lungo un elenco di titoli e thumbnail di film, canzoni e show televisivi, si seleziona l’unità preferita e il video comincia a fluire. A scanso di equivoci la riproduzione nemmeno parte se ci si trova connessi con il 3G, ma prende il via soltanto quando si è sotto copertura WiFi (i costi connessi sarebbero altrimenti improbi).

Lanciato circa un anno e mezzo fa dopo un primo periodo di grande entusiasmo, la bolla di Joost si è sgonfiata, il servizio non è stato all’altezza delle aspettative create e nonostante l’impiego di una buona tecnologia la mancanza di contenuti interessanti l’ha condannato. Contemporaneamente infatti sono emersi i servizi on demand di Netflix e Hulu che, facendosi forza su film e serie televisive, hanno attirato a sè tutta l’attenzione.

Al momento il catalogo Joost conta 46.000 titoli tra i quali risultano anche molti contenuti professionali, ma è una goccia nel mare rispetto ai rivali. A dimostrazione di ciò v’è il fatto che quasi tutti gli opinionisti che hanno potuto testare il servizio su iPhone si sono detti entusiasti della possibilità di vedere video in “streaming on demand” su un device portatile. Ma ora attendono altresì l’equivalente da Hulu.

Notizie su: ,