QR code per la pagina originale

Tutti uniti per chiedere a Obama la banda larga

Società attive nelle telecomunicazioni, associazioni dei lavoratori e gruppi per la difesa della libertà di stampa si stanno coalizzando per chiedere a Barack Obama un nuovo piano per la banda larga e la net neutrality. Una sfida anche contro la crisi

,

Associazioni dei lavoratori, società attive nelle telecomunicazioni e sostenitori dei diritti dei cittadini negli Stati Uniti hanno esplicitamente invitato il futuro presidente, Barack Obama, a considerare seriamente le tematiche legate alla Rete e alla banda larga. Spesso pronti a darsi battaglia tra loro, i soggetti attivi a vario titolo nell’IT concordano sulla necessità di superare alcune barriere che ancora oggi impediscono a Internet di espandersi, abbattendo le frontiere del digital divide.

L’invito esplicito a Barack Obama è giunto partendo proprio dalle dichiarazioni del futuro presidente degli Stati Uniti, che in più di una occasione aveva dichiarato la neutralità della Rete e la banda larga requisiti fondamentali per rilanciare l’economia dell’America con nuovi posti di lavoro, crescita e una nuova spinta nell’innovazione del Paese. Secondo i soggetti coalizzati per fare pressioni sul tema ai massimi vertici delle istituzioni statunitensi, una maggiore diffusione della banda larga e dell’utilizzo del Web potrebbe essere raggiunto con un abbattimento delle tasse, sussidi alle imprese e accordi tra pubblico e privato per stimolare gli investimenti nel settore tesi ad ammodernare le attuali reti di comunicazione.

Le possibili strategie da adottare sono state analizzate recentemente in una conferenza cui hanno preso parte alcuni protagonisti delle telecomunicazioni, come Google e la società telefonica AT&T, e il gruppo Free Press, impegnato da tempo a difendere la libertà di stampa anche attraverso la promozione di nuove vie per diffondere l’informazione negli States. Protagonisti della comunicazione digitale spesso in contrasto tra loro, come dimostrano le vicende legate alla net neutrality o all’utilizzo di parte dello spettro TV per la diffusione del Web, per una volta riunite allo stesso tavolo e con obiettivi comuni.

Notizie su: