QR code per la pagina originale

Accordo tra Fastweb e Fandango per la TV on demand

,

Sembra proprio che il cinema italiano abbia fatto retromarcia e adesso non veda più Internet solo come un nemico.

Da un articolo di Alessandro Longo per Repubblica.it, apprendo dell’accordo tra la casa produttrice cinematografica Fandango e Fastweb, noto fornitore di servizi Internet tra cui anche l’IPTV.

La grossa novità è che per la prima volta si potrà assistere all’uscita di un film italiano contemporaneamente nelle sale cinematografiche e nel salotto di casa. Fastweb, infatti, renderà possibile il noleggio del film, sulla propria TV, dallo stesso giorno in cui questo esce al cinema e al prezzo di circa 5 euro.

Il primo film oggetto dell’accordo è stato “Deep Water“, uscito la settimana scorsa. Adesso tocca a “Diari” di Attilio Azzola, nelle sale a partire dal 5 dicembre. Senza dubbio si tratta di una novità positiva, soprattutto per il cinema italiano. Non bisogna dimenticare, infatti, che i film italiani hanno sempre avuto una esposizione limitata nelle sale cinematografiche e non riscuotono quasi mai grandi successi al botteghino, pur essendo molto apprezzati dagli addetti ai lavori e alle mostre internazionali.

Adesso, grazie alla TV on demand e all’IPTV, queste pellicole potranno godere di ulteriori canali di distribuzione sfruttando le potenzialità della Internet TV e delle connessioni ADSL, un tempo portatrici soltanto di danni economici a causa della pirateria.

In merito all’accordo, Claudio Bellinzona, Head of Content and Programming di Fastweb, ha dichiarato:

Con questa iniziativa vogliamo ribadire il nostro impegno a sostegno del grande cinema che ha meno visibilità.

Naturalmente questo tipo di accordi tra case produttrici e servizi Internet non riguarderà mai i film più blasonati che economicamente rendono di più. Però, a mio avviso, è senza dubbio un inizio positivo che va nella direzione giusta, anche considerando il continuo aumento di utenti che scelgono questa nuova modalità di intrattenimento.

Notizie su: