QR code per la pagina originale

Local, google maps e wiki: come cambia il search

,

Un altro argomento trattato al recente Convegno GT 2008, che si è svolto a Riccione il 6 e 7 dicembre, era incentrato sulle mappe di Google e sul loro utilizzo per promuovere una struttura ricettiva o un esercizio commerciale.

Come molti sanno, dai tempi della Google Universal Search in poi, è diventato molto arduo per chi fa promozione online, riuscire a posizionare un sito ad esempio di un “hotel a Roma” nelle prime posizioni di una SERP. Perché di fatto il sito dell’hotel si trova a competere non solo con i portali, ma anche con foto, video, mappe e altre informazioni.

Le ultimissime novità introdotte da Google.com (il famoso SearchWiki) hanno poi scatenato un dibattito enorme sul fatto che sempre più le SERP evolveranno verso qualcosa di personalizzato per l’utente, in base ai suoi gusti e interessi, nonché comportamento di navigazione.

Uno degli strumenti che sta dimostrando la sua grossa potenzialità è l’inserimento sulle mappe di Google. Al convegno Luca Bove e Deborah del Cortona hanno mostrato come sia importante esserci. Deborah con un paio di casi reali. Luca con un po’ di numeri e citazioni:

100 milioni di utenti al mese visitano Yahoo e cercano con intenti locali
(Yahoo, 24 luglio 2008)

Ma la vera sfida pare essere quella che arriverà dal “mobile”, come la funzionalità My Location disponibile su modelli di telefono come l’iPhone, in grado di mostrare su una mappa tutto quello che c’è nei dintorni.

Local search, ricerche personalizzate… sta cambiando tutto lo scenario.

Notizie su: