QR code per la pagina originale

La crisi sotto l’albero

La crisi economica porterà a una contrazione delle spese per questo Natale. Dal rapporto annuale di Deloitte emerge come Internet possa costituire una buona risorsa per contrastare almeno in parte l'effetto della crisi, favorendo acquisti più oculati

,

Com’è il Natale in tempo di crisi? Meno felice e colorato del solito, magari contraddistinto da una vena di pessimismo per i difficili tempi che si prospettano all’orizzonte? O forse la felicità di festeggiare con parenti e amici prevarrà sul pessimismo di chi ha visto diminuire il proprio potere di acquisto e teme per il proprio posto di lavoro? Una recente ricerca della società di consulenza Deilotte prova a dare risposta a queste domande, dimostrando come la Rete possa costituire una buona alternativa per attenuare gli effetti della crisi sul Natale.

Stando al recente rapporto Xmas Survey [pdf], redatto per l’undicesimo anno consecutivo dagli esperti di Deloitte, per i consumatori europei si apre un periodo di forte incertezza e pessimismo, dettati dalla difficile situazione economica. La maggioranza degli intervistati dichiara di voler contenere le spese per questo Natale, focalizzando maggiormente l’attenzione su quei doni ritenuti utili e non semplicemente accessori. Una scelta seguita con convinzione anche dagli italiani, che nel 60% dei casi privilegeranno prodotti utili a discapito dei regali superflui.

La decisione degli acquirenti incide maggiormente nel comparto del commercio, dove sono premiati i rivenditori in grado di offrire prodotti utili e durevoli a prezzi contenuti. Per le spese di fine anno il 17% degli italiani dichiara di voler acquistare meno cibo per non dover rinunciare all’acquisto di qualche regalo; il 21% ammette che la spesa complessiva per i regali sarà più bassa rispetto agli scorsi anni, mentre resteranno stabili le spese per il cibo. Infine, circa un italiano su tre prevede di spendere meno sia per l’acquisto di cibo che per i doni, limitando per quanto possibile le spese in previsione dei momenti difficili previsti per il 2009.

In questo quadro di inevitabile pessimismo e tendenza al risparmio dettati dalla crisi, Internet appare come una valida soluzione per risparmiare denaro senza rinunciare alle tradizionali abitudini natalizie. La ricerca dei prezzi migliori per l’acquisto dei beni interessa direttamente la Rete, strumento giudicato molto utile per una comparazione obiettiva del prezzo dei prodotti. Tale tendenza risulta maggiormente incisiva nei paesi dell’Europa occidentale, specialmente per questioni legate meramente al digital divide che impedisce ancora oggi a numerosi paesi dell’Est di poter fare affidamento su un buon numero di connessioni al Web.

Notizie su: