QR code per la pagina originale

Apple TV sotto accusa per quattro brevetti

Nuova azione legale contro Apple, accusata di aver violato quattro brevetti utilizzati nella sua Apple TV e in altri dispositivi wireless. I promotori della causa richiedono un risarcimento e il riconoscimento delle royalty

,

Nuova azione legale in vista per Apple. La società EZ4Media Inc. ha da poco depositato in una corte dello Stato dell’Illinois (USA) una pratica che accusa la società di Cupertino di aver violato alcuni dei suoi brevetti in prodotti di punta come Apple TV, AirPort Express e in taluni modelli Mac. La decisione di adire alle vie legali sarebbe stata dettata dall’impossibilità di raggiungere un accordo amichevole al di fuori delle aule di tribunale.

Nella sua denuncia, EZ4Media sostiene di essere stata danneggiata da Apple, che avrebbe violato quattro brevetti registrati tra fine ottobre 2006 e le prime settimane del 2007. Secondo l’accusa, la società di Cupertino avrebbe assunto tre dipendenti di Universal Electronics, la divisione che ottenne i brevetti comprati successivamente da EZ4Media, per lavorare alla progettazione e allo sviluppo del sistema di intrattenimento domestico Apple TV. I tre tecnici assunti dalla mela avrebbero avuto pieno accesso al materiale confidenziale e ai progetti successivamente brevettati da parte di Universal Electronics, consentendo così ad Apple di avvantaggiarsi sulla concorrenza inserendo soluzioni innovative non ancora disponibili sul mercato.

Per gli autori dell’azione legale, la scansione dei tempi non lascerebbe dubbi sulla condotta poco cristallina mantenuta dalla società di Cupertino. I tre dipendenti sarebbero approdati al team di sviluppo di Apple TV nel secondo quadrimestre del 2005, mentre Apple TV fu rilasciata nel settembre del 2006 a poche settimane dalla registrazione dei quattro brevetti di Universal Electronics. La società promotrice dell’iniziativa legale notificò l’esistenza dei suoi brevetti ad Apple, senza però ricevere risposte soddisfacenti alle sue istanze.

I quattro brevetti illustrano un particolare sistrema per trasmettere prodotti multimediali, come immagini, filmati e musica, da un server a un dispositivo di riproduzione da collegare al televisore. Secondo EZ4Media, le soluzioni tecnologiche adottate da Apple TV, Mac e AirPort Express ricalcherebbero sensibilmente i sistemi brevettati a cavallo del 2006 e del 2007. Inoltre, il quarto brevetto riguarda un meccanismo per trasferire automaticamente materiale audiovisivo da Internet a un computer e successivamente a una stazione di intrattenimento domestica via wireless, per EZ4Media una violazione in piena regola del suo sistema brevettato.

Secondo la società promotrice dell’azione legale, il comportamento di Apple continuerà a danneggiare seriamente EZ4Media fino a quando una corte non disporrà seri provvedimenti per riconoscerle i suoi diritti. Oltre a un risarcimento per i danni subiti, la compagnia richiede il giusto riconoscimento per le royalty legate ai suoi brevetti e un provvedimento per impedire ad Apple di utilizzarli senza i dovuti permessi e accordi commerciali. Azioni legali simili sono state intraprese da EZ4Media anche nei confronti di Logitech, Netgear, D-Link, Pioneer, Yamaha, D&M Holding, Denon e Samsung, con la quale è stato già raggiunto un accordo extragiudiziale.

Notizie su: