QR code per la pagina originale

Google Earth restaura la sua New York City

,

Per chi preferisce le vere città a quelle ricostruite dal motore grafico di SimCity, Google Earth costituisce un ottimo sistema per osservare posti lontani e remoti in 3D senza muovere un passo dal proprio personal computer. Il tutto, naturalmente, a costo zero e con buona pace dell’incipiente crisi economica.

Dopo aver offerto una visione didattica e dettagliata della Roma Antica, ora gli sviluppatori di Google Earth sono tornati a una loro vecchia cliente: Manhattan. Da pochi giorni, infatti, la versione tridimensionale della città è stata aggiornata con mappe maggiormente dettagliate e una ricostruzione meticolosa di tutto l’ambiente urbano. I canyon costituiti dai grattacieli tra una avenue e l’altra sono ora molto più realistici, così come le sembianze dei palazzi sono molto più fedeli alle originali.

Utilizzando le numerose opportunità offerte da Google Earth per interagire con gli ambienti tridimensionali, è possibile percorrere Broadway a livello della strada, immaginare di perdersi nella folla inesauribile di Time Square oppure, perché no, immaginare di dominare l’intera città dall’Empire State Building come novelli King Kong digitali. La nuova mappa 3D costituisce un’ottima occasione per conoscere meglio una delle città più famose e affascinanti del mondo, oppure una risorsa per sedare la malinconia che New York riesce a instillare nei turisti che hanno avuto modo di vederla e viverla per qualche giorno.

Il livello di dettaglio è la cura per la prospettiva sono considerevoli, come dimostra anche l’immagine qui sotto. A sinistra potete notare la ricostruzione digitale di uno scorcio di New York offerta da Google Earth, mentre a destra una fotografia del medesimo scorcio scattata da chi scrive pochi mesi fa. Mancano naturalmente il frastuono e lo smog dell’originale: la voce e il respiro della città che non dorme mai.

Scorcio NY

Notizie su: