QR code per la pagina originale

Tipologie di pellicole olografiche – Seconda parte

,

Passiamo ora ad analizzare le ultime tre tipologie di vetrine olografiche da retroproiezione.

La pellicola a specchio permette, nel momento in cui non è proiettata, di avere un vero e proprio specchio e quindi fare giochi ed effetti speciali studiati ad-hoc. Bisogna tenere conto che per eliminare l’effetto specchio l’ambiente di proiezione sia semi-buio, questo per evitare fastidiosi riflessi.

La pellicola bianca invece è poco utilizzata ma adatta ad ambienti in cui il resto della location è tendente al bianco; infine la pellicola opaca è una pellicola satinata che è adatta in molteplici contesti, unisce un po’ le qualità di tutte le pellicole e la rende di fatto la pellicola più utilizzata.

In conclusione dopo la carrellata delle possibili soluzioni di proiezione olografica si può definire che il rapporto qualità/prezzo del prodotto lo rende interessante in contesti eterogenei quali:

  • agenzie immobiliari;
  • fiere;
  • alberghi di lusso;
  • centri commerciali;
  • centri salute;
  • discoteche.

Tuttavia anche a livello consumer, per vedere un film a casa propria o per giocare con una console, le pellicole olografiche saranno presto una soluzione da tenere in considerazione. Non ci resta che aspettare.

Notizie su: