QR code per la pagina originale

Il telefono ideale per Obama

La presidenza Obama pone per la prima volta seriamente il problema delle comunicazioni personali mobili del presidente degli Stati Uniti. Il presidente eletto pretende di avere un device simile al BlackBerry, ma di certo non potrà essere lo smartphone RIM

,

Continua la curiosa querelle del BlackBerry del prossimo presidente degli Stati Uniti. Barack Obama è infatti notoriamente schiavo del proprio smartphone e durante tutta la campagna è stato continuamente fotografato mentre lo usava. Ma ora dovrà rinunciarvi.

Ragioni di stato. Le comunicazioni del presidente devono essere tutte pubbliche e inoltre non è accettabile che il presidente possa essere soggetto ad attacchi informatici. Dunque assolutamente niente BlackBerry. Ma non è escluso che non possa avere per sè un equivalente più sicuro.

È la prima volta che si pone un simile caso: Bill Clinton mandò due email in tutta la sua presidenza e George Bush decise di rinunciarci, nonostante la usasse spesso, per non dover sottoporre a tutti le proprie conversazioni. Dunque occorre ora assumere una decisione che funga da regola per il futuro.

Esistono infatti dei device dalla sicurezza certificata dalla National Security Agency, smartphone in grado di garantire comunicazioni sicure. Uno di questi, il più papabile, è il Sectera Edge di General Dynamics, un telefono-palmare dal costo di 3.350 dollari. È in grado di comunicare via voce ad un livello Top Secret, può gestire documenti, email e navigazione attraverso network protetti dal Governo e funziona su qualsiasi rete e in qualsiasi condizione ambientale.

Sectera Edge