QR code per la pagina originale

Come i cellulari hanno cambiato la società

,

Si sente spesso dire che i cellulari hanno cambiato e stanno cambiando la nostra società, e di esempi sotto gli occhi ne abbiamo tutti. Ma possiamo dire di avere la stessa consapevolezza per quanto riguarda i paesi emergenti? In che modo le tecnologie legate alla mobilità hanno saputo migliorare le condizioni di vita di tutte quelle persone le cui condizioni quotidiane sono ben distanti da quello a cui siamo abituati noi “occidentali”?

Grazie a questa analisi tratta da MobileActive, emergono alcuni ambiti d’utilizzo davvero interessanti, in cui gli SMS sono i mezzi più utilizzati:

  • SMS per avvisare le popolazioni locali di disastri e calamità naturali che li stanno per colpire;
  • SMS come mezzo di informazione su alcune malattie come HIV e cancro, veri e propri flagelli per molte popolazioni, per le quali la disinformazione è la principale causa di diffusione;
  • SMS usati per comunicare alla popolazioni bisognose la disponibilità di derrate alimentari da distribuire;
  • Ricevere via SMS informazioni sui prodotti in vendita nei mercati (link articolo) o sui prezzi medi delle derrate alimentari, in modo da concludere la vendita di queste ultime a prezzi non di sfruttamento.

Ma non solo gli SMS:

  • Usare il telefono per lanciare SOS in caso di discriminazioni e violenze in quelle zone al centro di grandi movimenti pendolari, dove il controllo della polizia o di altri corpi è carente;
  • Impiegare gli MMS per riportare in tempo reale i voti espressi durante le elezioni per evitare risultati camuffati;
  • Creare canali alternativi di diffusione dell’informazione in quei paesi dove non c’è la libertà di stampa e Internet è pesantemente censurata;
  • Favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro in tutte quelle aree, densamente popolate, come già fa Babajob.

Non sono occorsi sofisticati e complessi smartphone per favorire i cambiamenti fin qui citati, ma delle semplici tecnologie di base, a basso costo, semplici da usare dato che non richiedono lunghi tempi di apprendimento o complesse configurazioni. Un’evidenza questa, che dovrebbe farci riflettere su quanto quello che il mercato ci propone oggi risponda a vere esigenze oppure sia prevalentemente frutto di bisogni indotti.

Notizie su: