QR code per la pagina originale

Firefox 3.0.6, primo update dell’anno

Firefox giunge alla versione 3.0.6 per mezzo del primo update diramato da Mozilla per il 2009. La nuova versione del browser corregge sei vulnerabilità, una delle quali di grave entità con rischio di crash e di corruzione della memoria

,

Mozilla ha inaugurato gli aggiornamenti di sicurezza del 2009 con un importante update del browser Firefox, ora distribuito (anche in lingua italiana) nella versione 3.0.6. Trattasi di un aggiornamento che non apporta alcuna modifica funzionale al browser, ma si limita invece a risolvere una serie di problemi di sicurezza di relativa importanza.

Secondo quanto ufficializzato da Mozilla.org, i problemi risolti rispetto alla versione 3.0.5 del browser sono sei, due dei quali di minimo impatto ed uno invece di massima criticità. Il problema di maggior pericolosità è descritto dal bollettino Mozilla Foundation Security Advisory 2009-01 e coinvolge tanto Firefox quanto Thunderbird e SeaMonkey. Il bug è stato messo in evidenza direttamente all’interno dei laboratori Mozilla e consta in un problema di stabilità potenzialmente attaccabile tramite JavaScript. Per questo motivo disabilitarne l’uso può essere un utile espediente temporaneo, ma l’installazione della patch è l’unica soluzione in grado di mettere al riparo il browser da crash e corruzione della memoria. Stessa precauzione va tenuta con Thunderbird: il client di posta condivide parte della tecnologia con Firefox ed una mail in grado di far leva su JavaScript potrebbe portare a segno l’attacco nel caso in cui le impostazioni del software non fossero quelle di default.

Importanti, inoltre, anche gli aggiornamenti descritti dai bollettini mfsa2009-02 ed mfsa2009-03, entrambi etichettati ad «alta» criticità. Risolto, infine, il bug438830 che apportava disfunzioni all’uso di taluni plugin.

L’aggiornamento è possibile tramite il download manuale del browser o per mezzo del canonico aggiornamento automatico. Oggi Firefox è il secondo browser più usato al mondo, con una percentuale globale stimata attorno al 21.53% (dati NetApplication) con una crescita dello 0.2% nell’ultimo mese ed in costante recupero rispetto ad un Internet Explorer in continuo declino.