QR code per la pagina originale

Rai, di tutto di più, ma solo col giusto plugin

,

Mamma Rai, la matrona catodica amata poi odiata poi amata ad libitum, si è infine rifatta il trucco online.

Con la dovuta solennità, nella giornata di ieri i dirigenti della azienda, piaccia o no uno dei primi vettori culturali in Italia, hanno presentato il rinnovato portale Rai.it e il restaurato Rai.tv. Al primo il dovere di raccogliere informazioni, notizie, curiosità sulle attività del servizio pubblico; al secondo il difficile compito di attirare nuovi utenti pronti a rivedere in streaming attraverso lo schermo del PC gli innumerevoli programmi prodotti dalle emittenti televisive Rai.

Il nuovo sistema di streaming abbandona la precedente piattaforma, basata su Windows Media Player, per abbracciare il nuovo plugin di Silverlight2, sempre sviluppato da Microsoft. Grazie a questo accorgimento il portale risulta meno pesante, ma fatalmente perde una notevole fetta di utenti impossibilitati a utilizzare il nuovo applicativo concorrente di Flash.

Gli utenti Mac con processore PowerPC e i possessori di sistemi Linux avranno non pochi problemi per rivedere i loro programmi preferiti su Rai.tv. Il plugin Silverlight2 non è infatti supportato dai dispositivi Apple precedenti all’introduzione dei processori Intel, così come non esiste ancora un plugin alternativo per chi utilizza Linux (solamente Moonlight in fase alpha). Un limite non indifferente, anche perché non è prevista la possibilità di visualizzare i filmati in un altro formato compatibile con i sistemi non supportati da Silverlight2.

Se si prosegue la navigazione sul portale, ignorando la richiesta di installazione della seconda versione di Silverlight, alcuni contenuti sembrano essere tuttavia accessibili anche da chi può solamente utilizzare l’edizione precedente del famigerato plugin di Microsoft. A una prima analisi, inevitabilmente parziale, i filmati caricati prima della ristrutturazione di Rai.tv sembrano essere completamente compatibili con Silverlight1, mentre per i contenuti inseriti negli ultimi giorni viene visualizzato un messaggio di errore. Il malfunzionamento potrebbe essere dovuto all’impossibilità di riprodurre correttamente lo spot pubblicitario, che precede i nuovi filmati, con la versione più vecchia di Silverlight.

Insomma, la Rai sarà anche di tutti, ma al momento sembra scegliere con cura i suoi spettatori online…

Notizie su: